La sospensione anteriore della Mercedes W10 nel Gran Premio di Montecarlo di F1 2019 (Foto LAT Images/Mercedes)
La sospensione anteriore della Mercedes W10 nel Gran Premio di Montecarlo di F1 2019 (Foto LAT Images/Mercedes)

F1 | Sospetti sulla Mercedes: la sua sospensione anteriore è illegale?

Cala un’ombra di sospetto su una nuova soluzione tecnica della Mercedes che si adatta perfettamente alle caratteristiche del Gran Premio di Montecarlo. E che, per quanto si stia rivelando efficace, come dimostra il dominio imposto in qualifica dalle Frecce d’argento, potrebbe in linea di principio rappresentare una violazione del regolamento, o quantomeno non rispettarne pienamente lo spirito. Si tratta di un’innovazione applicata alla vigilia del weekend di gara di Monaco alla sospensione anteriore della W10.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

In pratica i tecnici anglo-tedeschi hanno montato un puntone con uno snodo, spostando così verso l’interno l’attacco della sospensione. In questo modo, al momento di entrare in curva, l’effetto che si viene a creare è quello di un abbassamento dell’altezza da terra dell’alettone anteriore, e quindi di un aumento del carico aerodinamico. Il problema è che questa soluzione assomiglia tanto ad una variazione dell’assetto in corsa, che è espressamente vietata dal regolamento tecnico della Formula 1.

Proprio per questo motivo, nel paddock, gli occhi degli osservatori si sono puntati con attenzione sull’avantreno della Mercedes, per quanto tuttora nel silenzio generale. Solo l’esperto di tecnica Gabriele Pirovano, per ora, ha dato voce a questo sospetto, sulle pagine del sito specializzato AutoMoto.it. Per ora non si hanno notizie di reclami presentati nel merito da qualche squadra avversaria, anche se siamo pronti a scommettere che gli ingegneri rivali stiano tenendo sotto stretta osservazione l’evoluzione della vicenda, pur attenti a non farsi sfuggire troppe parole a microfoni accesi. Ma a studiare questa novità ci stanno pensando i commissari tecnici della Federazione internazionale dell’automobile, che potrebbero dunque decidere in futuro di accettarla oppure di considerarla contraria alle regole, e dunque di proibirla. Per capire quali saranno le evoluzioni di questa vicenda, non ci resta che aspettare e vedere come andrà a finire.