Binotto perdona Charles Leclerc: “Sta lavorando sodo”

Charles Leclerc e Mattia Binotto (©Getty Images)

F1 | Binotto perdona Charles Leclerc: “Sta lavorando sodo”

I due gravi errori commessi da Charles Leclerc nelle ultime qualifiche di Azerbaijan e Spagna hanno inevitabilmente influenzato l’esito di entrambe le corse per quanto riguarda la Ferrari. Ciò nonostante il team principal Mattia Binotto non se l’è sentita di buttare la croce addosso al monegasco, elogiandone al contrario, l’atteggiamento volitivo.

Ha senz’altro bisogno di acquisire esperienza ed è ciò che sta facendo“, ha dichiarato l’ingegnere nato in Svizzera rispondendo ai media presenti a Montecarlo. “Sta lavorando sodo assieme ai tecnici per migliorare giorno per giorno. E’ consapevole di aver sbagliato, ma credo sia altrettanto giusto che cerchi il limite. Per avere poco più di vent’anni ha dimostrato di essere molto maturo, dunque a mio avviso è sbagliato definirlo eccessivamente falloso”.

“E’ un pilota molto costante e ce lo dicono anche le sue corse. Sul lungo termine diventerà un corridore completo”, ha sottolineato il 47enne.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Per Binotto il mondiale non è un tabù

Il boss della Scuderia si è poi espresso sulle possibilità rimanenti di strappare il titolo alla Mercedes. Chance, secondo lui, neppure troppo remote.

Le aspettative dopo i test invernali erano alte, ma il punteggio in classifica non ci sta dando ragione“, ha commentato, “I nostri rivali hanno vinto a Barcellona, tuttavia noi avremmo tutto per fare meglio sia in Bahrain, sia a Baku. Se per il momento loro hanno fatto un lavoro migliore, potrebbero comunque arrivare piste a noi favorevoli“.

Per adesso dobbiamo riprendere terreno e per fare ciò ci vorrà tempo. Come equipe dovremo mostrare di sapere leggere la macchina e via via implementarla. Soltanto alla fine potremo tirare le somme“, ha concluso Mattia, che può lasciando uno spiraglio ha confermato che a Maranello si sta già lavorando sul 2020.

Chiara Rainis