Marco Carta si è sposato? Il cantante vuota il sacco

marco carta

Marco Carta si è sposato? Il cantante, ospite di Vieni da me, programma condotto da Caterina Balivo, vuota tutto il sacco.

Marco Carta, pur volendo proteggere la propria storia d’amore, comincia a parlarne più spesso. Nelle utime settimane, sul web, si sono diffuse rumors sul matrimonio del cantante con il compagno. Marco Carta, dunque, si è sposato? A raccontare tutta la verità è stato lo stesso Marco ai microfoni di Vieni da me, la trasmissione condotta da Caterina Balivo, in onda da lunedì a venerdì, alle 14 su Raiuno.

Marco Carta: tutta la verità sul matrimonio in tv

Marco Carta, ai microfoni di Caterina Balivo, si è raccontato senza filtri. “Io sono bianco e nero allo stesso tempo. Vivo le emozioni senza regole. Non mi so dare regole. Uno dei miei sogni più grandi è scavare dentro di me, conoscermi a fondo, per potermi combattere da solo e potermi gestire meglio. Sono un mostro, non di cattiveria, ma sono molto complesso. […] A volte ho paura di non essere all’altezza delle mie stesse aspettative o di quelle del prossimo”, ha spiegato.

Marco vive una bellissima storia d’amore con il compagno che, non facendo parte del mondo dello spettacoo, preferisce non esporsi. La coppia, però, non si è sposata come invece pensavano i fan. “Qualche tempo fa circolava sul web la voce che mi fossi sposato segretamente ma non è vero. Sicuramente voglio sposarmi, ma non adesso. Questo è un passo che voglio compiere”. Una ragazza del pubblico gli ha chiesto: “Ti sei sposato con Mark Caltagirone?“. Carta ha risposto: “No, nemmeno con Mark Caltagirone. Di Mark bisognerebbe chiedere alla Prati” – mentre Caterina Balivo ha commentato – “Non si parla delle persone assenti in tv”.

Il cantante, poi, ha parlato de suo desiderio di paternità: “È un passo che mi piacerebbe compiere. Non mi dispiacerebbe, in qualsiasi forma, diventare genitore. Vorrei dare ad un bambino quello che è mancato a me. Non so che tipo di padre sarei però sicuramente mi vedo a darmi al 100% a un figlio o a una figlia. Ma è un discorso gigantesco”.