Wolff omaggia Lauda. La Mercedes dominerà come prima?

Toto Wolff e Niki Lauda (©Getty Images)

F1 | Wolff omaggia Lauda. La Mercedes dominerà come prima?

Sarebbe ingiusto non riconoscere che buona parte dei successi delle Frecce d’Argento dal 2014 ad oggi, siano stati il frutto anche dei suoi consigli. Ecco perché la scomparsa di Niki Lauda, avvenuta a sorpresa nella notte di questo lunedì, quando invece tutti credevano che si sarebbe ripreso dai problemi fisici accusati ai polmoni e poi ai reni la scorsa estate, potrebbe lasciare la Mercedes nello smarrimento.

Vero è che se dall’Australia alla Spagna la scuderia tedesca si è portata a casa cinque vittorie su cinque e altrettante doppiette, nel 2018, proprio in concomitanza con il ricovero del campione austriaco, il team aveva cominciato a commettere qualche sbavatura, brevi attimi di impasse non sufficienti comunque a farle perdere entrambe le coppe ancora prima di terminare il campionato.

Fuor da ogni cinismo, chissà che questo triste episodio non possa aiutare in un certo senso la Ferrari, attualmente in alto mare.

Intanto nelle ore successive all’annuncio della morte del 3 volte iridato, si sono susseguiti i ricordi di tutti quelli che lo hanno incrociato in F1.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’omaggio a Lauda di Wolff e Rosberg

In tarda mattinata il dirigente delle Frecce d’Argento Toto Wolff ha così omaggiato il pilota, ma soprattutto la spalla, che lo aveva supportato nella gestione dell’equipe. “Niki rimarrà per sempre una delle leggende più grandi del nostro sport. Ha concentrato in sé eroismo, umanità e onestà sia fuori che dentro l’abitacolo“, il messaggio del manager. “La sua morte lascia un vuoto immenso. Non solo ha messo in scena il ritorno in pista più straordinario di sempre, ma è stato un uomo che ha portato in F1 preziosa chiarezza e candore. Ci mancherà immensamente anche come voce della Mercedes“.

Il nostro team ha perso una vera e propria guida. Come compagno di squadra negli ultimi 6 anni e mezzo, è sempre stato brutalmente onesto e incredibilmente leale”, continua il pensiero. “E’ stato un privilegio poter contare su di lui. Ogni volta che girava negli stabilimenti di Brackley e Brixworth, o nel corso dei suoi discorsi motivazionali, ha sempre portato un’energia impossibile da replicare per chiunque altro. Semplicemente insostituibile. Non ci sarà mai nessun altro come te. E’ stato un vero onore chiamarti presidente e mio privilegio chiamarti amico“.

Ugualmente sentito il post pubblicato su Twitter da Nico Rosberg, iridato nel 2016 con i colori della Stella a tre punte.

Caro Niki, grazie per tutto ciò che hai fatto per me“, si legge. “Da te ho imparato tantissimo. La tua passione, lo spirito combattivo, il non mollare mai, il profondo credo che nella vita ci sia sempre una seconda possibilità, oltre alla pazienza che hai avuto con noi giovani. Io così come i 100 milioni di fan in tutto il mondo che hai ispirato a lottare anche nei momenti più duri pensiamo a te e alla tua famiglia perché tu possa riposare in pace“.

Chiara Rainis