Niki Lauda
Addio a Niki Lauda, il campione è morto a 70 anni – FOTO: Getty

Il mondo della Formula 1, dello sport e non solo piange Niki Lauda. Tra i migliori piloti di tutti i tempi, l’austriaco è scomparso lunedì 20 maggio.

Addio a Niki Lauda. Il leggendario pilota è morto all’età di 70 anni. Niki Lauda, di nazionalità austriaca, seppe legare il suo nome alla Formula 1, sport in cui conquistò per tre volte il titolo di campione del mondo. Lauda era ricoverato in una clinica privata in Svizzera per problemi ai reni. Otto mesi fa aveva subito un trapianto di polmone.
Nato a Vienna il 22 febbraio del 1949, il grandissimo Niki vinse tre titoli mondiali come pilota di F1 nel 1975, nel 1977 e nel 1984 a bordo delle sue monoposto McLaren e Ferrari. Rimase gravemente ustionato in un incidente nel 1976, evento che, per quanto drammatico, contribuì ad accrescerne la popolarità. E seppe farsi un nome anche al di là dello sport e dei motori. Infatti non mancano esperienze sia nel mondo dello spettacolo, con qualche cammeo in alcuni film nella parte di se stesso, e dell’imprenditoria.

LEGGI ANCHE –> Balotelli, rabbia social contro un hater: “Sei proprio un…” – FOTO

Niki Lauda, il comunicato della morte da parte della famiglia

Nel 1979 fondò infatti la compagnia aerea Lauda Air, inaugurata nel 1979 e poi scomparsa con l’assorbimento nel 2012 da parte dell’Austrian Airlines Group. Lauda è considerato uno dei migliori piloti della storia. La famiglia del grande sportivo ha reso pubblica la triste notizia attraverso un comunicato ufficiale diffuso dal tabloid britannico ‘The Sun’. Questo il testo. “Con profonda tristezza annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia accanto, nella giornata di lunedì. I suoi risultati unici come atleta e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l’azione, la sua schiettezza e il suo coraggio. Un modello e un punto di riferimento per tutti noi, era un marito amorevole e premuroso, un padre e nonno lontano dal pubblico, e ci mancherà”. Fino alla fine la sua è stata anche una presenza costante all’interno del paddock di F1.