Mercedes: nuovo concept sperimentale per la futura Safety-Car

(Image by Motor1)

Proseguendo una tradizione decennale, Mercedes-Benz ha appena svelato il suo ultimo veicolo da Safety-Car.

Si tratta di un concept che fa più luce sulle idee di sicurezza su cui gli esperti, i ricercatori e gli ingegneri della casa automobilistica stanno attualmente lavorando. Mentre alcune di queste caratteristiche sono quasi pronte per la produzione, altre “guardano bene al futuro”.

Basato sull’ultima Mercedes-Benz GLE, il modello sperimentale utilizza un gruppo propulsore ibrido plug-in ed è in grado di guidare in modo automatico in diverse situazioni. I tedeschi esporranno il veicolo di ricerca al convegno ESV di Eindhoven nel giugno di quest’anno, che sarà seguito da un’anteprima pubblica al Salone dell’automobile di Francoforte nel settembre 2019. Il produttore afferma che il concetto è un’anteprima di “ciò che deve venire”, così come “una visione” e “un contributo alla discussione generale” sulla sicurezza dei veicoli moderni.

(Image by Motor1)

Alcune delle principali caratteristiche di sicurezza di questo modello sono legate alle sue funzioni semiautonome. Ad esempio, quando il SUV plug-in funziona in modalità automatica, il volante e i pedali si ritraggono per ridurre il rischio di lesioni in caso di incidente. Ciò richiede nuove posizioni di montaggio per le cinture di sicurezza e gli airbag, che sono ora integrati rispettivamente nei sedili e nel cruscotto. Un altro esempio è il sistema di comunicazione cooperativa, che informa gli altri utenti della strada sui potenziali rischi della strada che li precede.

(Image by Motor1)

Per quanto riguarda la sicurezza degli occupanti, Mercedes introduce la tecnologia Pre-Safe Child, che utilizza una cintura tensionata preventivamente e elementi di protezione laterale per ridurre i carichi che agiscono sul bambino durante un incidente. Il sistema monitora anche l’installazione del sedile e i segni vitali del bambino.

Un’altra caratteristica molto interessante è la forma di un piccolo robot che emerge automaticamente dalla parte posteriore del veicolo a seguito di un incidente e funge da triangolo di segnalazione. Un’ulteriore segnaletica proviene da un triangolo di segnalazione che si ripiega dal tetto del veicolo, nonché dai finestrini posteriori che fungono da superfici di comunicazione.

La sicurezza fa parte del DNA del marchio Mercedes-Benz“, commenta Ola Kallenius, membro del Consiglio di amministrazione di Daimler AG, responsabile dello sviluppo auto Mercedes-Benz. “Dagli anni ’70, con i nostri veicoli sperimentali di sicurezza, abbiamo ripetutamente dimostrato di non essere a corto di idee in questo campo. Il nuovo FSE 2019 riflette la mobilità del futuro e presenta un’ampia gamma di innovazioni che stiamo attualmente ricercando e sviluppando. E posso già dire questo: alcune funzioni sono molto vicine alla produzione in serie”.