Fernando Alonso alla 500 Miglia di Indianapolis 2019 (Foto Joe Skibinski/IndyCar)
Fernando Alonso alla 500 Miglia di Indianapolis 2019 (Foto Joe Skibinski/IndyCar)

500 Miglia di Indianapolis | Alonso ammette la disfatta: “Non sono stato abbastanza bravo” (VIDEO)

Si è conclusa con un cocente insuccesso la seconda partecipazione di Fernando Alonso alla 500 Miglia di Indianapolis. Il due volte campione del mondo di Formula 1 non è riuscito nemmeno a qualificarsi per la più famosa delle gare americane, l’ultima che gli manca per completare il leggendario triplete dell’automobilismo con il Gran Premio di Montecarlo e la 24 Ore di Le Mans. C’è una comprensibile delusione nelle parole con cui l’ex portacolori della Ferrari commenta questa scioccante debacle.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di MotoGP, Superbike e F1 CLICCA QUI

“Sicuramente per noi è stato un processo di apprendimento, fin dal primo giorno”, spiega Alonso. “Purtroppo siamo arrivati alle conclusioni un po’ troppo tardi. Ovviamente sono deluso di non essere in gara, ma non siamo stati abbastanza bravi. Speriamo in una gara sicura, in un bello spettacolo e mi auguro di poterci riprovare in futuro. Questa è una delle gare più importanti nel calendario dell’automobilismo. Dopo aver vinto in diverse categorie, è una grande tentazione per me quella di tornare, per provare a stare con i primi. Quest’anno non ci sono riuscito, ma magari in futuro…”.

Nonostante l’esito negativo, tuttavia, il fuoriclasse asturiano non rimpiange il suo tentativo di assalto agli Stati Uniti con il team McLaren“Abbiamo dato il massimo”, sostiene Nando. “Il team era nuovo, il personale non si conosceva e abbiamo provato a creare l’amalgama nel minor tempo possibile. Abbiamo continuato a imparare man mano che ci succedevano le cose. Loro hanno fatto un bel lavoro: non siamo stati abbastanza veloci, ma non perché non abbiano dato il massimo. Sono orgoglioso della squadra, anche se non abbiamo vinto questa sfida. Per vincere ci devi provare: in tanti, invece, rimangono a casa e non corrono in tutte queste categorie diverse. Devi esserci, sia per vincere che per essere deluso. Stavolta è andata così”.