MotoGP, Dovizioso: “Marquez più forte”. Petrucci: “Grazie Andrea”

dovizioso petrucci MotoGP
Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci (©Getty Images)

MotoGP, GP Francia: Dovizioso e Petrucci sul podio della gara a Le Mans.

Ducati si è dovuta arrendere di fronte alla supremazia di Marc Marquez nella gara MotoGP del Gran Premio di Francia 2019. Comunque sia Andrea Dovizioso che Danilo Petrucci sono saliti sul podio. E non bisogna scordare il quarto posto finale di Jack Miller.

Il team di Borgo Panigale ce la sta mettendo tutta per battere il fenomeno di Cervera, ma a Le Mans non è stato possibile. Sicuramente il prossimo GP in Italia, al Mugello, può essere un’occasione migliore. La casa bolognese viene da due vittorie consecutive lì, pertanto dovrà cercare di fare tris. Per lottare per il titolo è necessario sfruttare le piste dove Marquez non è dominante.

MotoGP Le Mans: Dovizioso commenta il risultato della gara

Dovizioso nel post-gara di Le Mans è intervenuto ai microfoni di Sky Sport MotoGP. Queste le sue considerazioni: «I secondi posti servono tanto. Ovviamente ci sono secondi e secondi… Ho fatto una bella gara oggi, prima di partire non avevo un grande feeling. Comunque sapevamo di essere nel gruppo, sono contento della gestione e della corsa in generale. Però non basta ancora, perché Marquez e Honda sono più forti, anche se di poco. Dobbiamo stare tranquilli e cercare di migliorare dove abbiamo margine. Non sono troppo contento di questa gara perché non ero veloce come volevo e mi aspettavo. Il consumo della gomma è stato troppo e dobbiamo capire se c’è margine di miglioramento».

Successivamente si parla del duello con il compagno Petrucci, da lui vinto e che comunque ha accontentato entrambi con un podio positivo: «Sono contento di come è andata. Danilo ci ha provato, è stato bravo a non fare cose da matto. Questo podio era importante per entrambi. Secondo, terzo e quarto è positivo per Ducati in vista del Mugello. Tutti e tre possiamo fare veramente bene».

Dovizioso non nasconde la necessità di conquistare un successo nel prossimo Gran Premio d’Italia 2019 al Mugello, dove ha già trionfato nel 2018. Ha 8 punti di distanza da Marquez e intende non perdere terreno ulteriore: «L’obiettivo è quello, vogliamo vincere al Mugello. A Le Mans abbiamo fatto secondo, terzo e quarto dimostrando di avere una buona velocità. Mi aspetto Marc competitivo per la vittoria, cosa che non è stato negli ultimi anni. E mi aspetto anche le Yamaha particolarmente forti al Mugello. Serve anche capire come migliorare, perché il Marc di adesso è veramente forte. Per giocarcela con lui serve fare uno step avanti».

MotoGP Le Mans: Petrucci felice per il podio

Finalmente sorridente Petrucci, che ha conquistato il primo podio da pilota ufficiale Ducati. A Sky Sport MotoGP si è detto contento della propria prestazione a Le Mans: «Un momento ho pensato che non dovevamo fare come in Argentina qualche anno fa, quando Iannone stese Dovizioso. Vedevo da faccia di Dall’Igna sul codone di Andrea (ride, ndr). È stato molto bello oggi. A inizio gara Marquez non aveva un ritmo esagerato, forse stava capendo le condizioni. Ho fatto degli errori e ho perso posizioni, finendo sesto e allora poi sono andato a riprenderli. Andrea è un po’ più veloce in accelerazione e non riuscivo a passarlo».

Il pilota ternano successivamente ci ha tenuto a dire grazie a Dovizioso per il supporto che gli sta dando in questi mesi: «Voglio ringraziarlo, perché questo podio è anche un po’ merito suo. Lui mi ha praticamente adottato a Forlì, gli scrocco tutto. Mi dà tanto come consigli e stile di vita. Ci ho provato senza risparmiarmi. Ovviamente non ho fatto l’ingresso brutto, non ho cercato di portarlo fuori… Lui mi dice di non affligermi tanto, di non pensare troppo al futuro. È una bravissima persona. Sono andato a vivere a Forlì, stiamo quasi sempre assieme e mi aiuta moltissimo. Cerco sempre di rubargli qualcosa per migliorare. Vedere Andrea che carica la mia moto da cross quando ci andiamo ad allenare non è da pilota che si gioca il Mondiale».

Petrucci sembra abbastanza fiducioso per il futuro, sta progredendo e i prossimi appuntamenti MotoGP possono essere particolarmente favorevoli a Ducati: «Tra Argentina e Austin sono migliorato, però non sono stato della partita come a Jerez e Le Mans. Adesso ci sono gare che potrebbero essere positive per noi. Il podio ci fa bene, al Mugello arriviamo carichi e sarebbe bello arrivare più in là di un posto… La Honda con Marquez sta facendo la differenza adesso, però sono contento della mia moto».

Matteo Bellan