Mamma soffoca i figli, l’assurda sentenza

Nel mese di dicembre di due anni fa, Antonella Barbieri uccise i suoi due figli nati dal matrimonio con Andrea Benatti, Kim di 2 anni che ha soffocato nella loro casa a Suzzara e Lorenzo Zeus di 5, che accoltellò nella gola a Luzzara, in Reggio Emilia. Dopo due anni è arrivata la sentenza, ma non è quella sperata: è stata assolta, perché ritenuta “totalmente incapace di intendere e di volere al momento dei fatti”, come risultato dalle perizie psichiatriche.

Dopo il delitto, infatti, aveva tentato di togliersi la vita. Il giudice l’ha assolta e ha disposto il ricovero in una Rems, una residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza, per un periodo di dieci anni. Al momento è una detenuta nella struttura psichiatrica di Catiglione delle Stiviere, a Mantova.

Questa sentenza farà sicuramente molto discutere, dal momento che “la sua incapacità di intendere e di volere” ha interrotto la vita di due bambini piccolissimi. Avevano ancora tantissime cose da fare, non avevano ancora vissuto davvero, neanche sapevano cos’era la vita e si sono visti la vita strappare dalle mani dalla persona che la vita gliel’aveva data, la loro mamma. Cosa penserà la gente di tutta questa storia? A chi darà ragione?