Riparte dall’Austria l’Europeo di Formula 3: c’è anche un italiano

La partenza del campionato europeo di Formula 3 al Red Bull Ring (Foto Dirk Hartung/Agentur Autosport.at)
La partenza del campionato europeo di Formula 3 al Red Bull Ring (Foto Dirk Hartung/Agentur Autosport.at)

F3 | Riparte dall’Austria l’Europeo di Formula 3: c’è anche un italiano

Terzo appuntamento europeo nel weekend del 17-19 Maggio sul circuito austriaco del Red Bull Ring per le monoposto con motore fino a 2.000 cc di cilindrata. Dopo le gare di Monza e di Hungaroring i piloti sono attesi sul circuito della Stiria per una gara che mette in palio punti per quattro serie continentali: l’europeo F3 FIA-CEZ, l’italiano TopJet F2000 Trophy, il tedesco Drexler AFR Pokal e l’austriaco AMF F3.

La lotta per il successo si annuncia come sempre apertissima con molte “new entry” che dovranno vedersela con i “veterani” delle serie. Difficile fare pronostici, ma gli addetti ai lavori indicano come principali piloti da battere Sandro Zeller (Dallara 308 Mercedes F3), Tom Beckenhauser (Dallara 308 Opel F3), Paolo Branjak (Dallara 318 VW F 2.0), Janos Majyar (Tatuus Honda F 2.0). Tutti dovranno vedersela ovviamente con il nostro Andrea Cola, il diciannovenne pilota romano che nelle ultime due stagioni ha monopolizzato la categoria portandosi a casa ben 5 dei titoli europei in palio: “Il Red Bull Ring è un circuito che mi è particolarmente congeniale. Qui ho sempre fatto buone corse e nel 2017 ho ottenuto una bella vittoria. Quest’anno cercherò di ripetermi!”. Alle sue spalle c’è la solita squadra collaudata e consolidata, il team Monolite Racing, che lo ha seguito fino dagli inizi, la fedele Dallara 312 equipaggiata con pneumatici Pirelli PZero.

Il circuito del Red Bull Ring, precedentemente noto come Österreichring e come A1-Ring, è situato nei pressi della cittadina austriaca di Spielberg bei Knittelfeld, in Stiria. Rimasto inutilizzato per alcun anni dopo aver ospitato il Gran Premio d’Austria di Formula 1 dal 1970 al 1987, è stato oggetto negli Anni ’90 di un costoso rinnovamento che ne ha modificato e accorciato il tracciato e cambiato il nome in A1 Ring. Ha ripreso l’attività dalla stagione motoristica nella primavera del 2011 conserva il disegno del tracciato introdotto nel 1996, quando l’autodromo è stato ridenominato A1-Ring e quindi, nel 2004, Red Bull Ring.