Lewis Hamilton (©Getty Images)

F1 | Hamilton provoca: “Non è colpa nostra se Ferrari arranca”

Euforico per la quinta doppietta consecutiva strappata in Spagna dalla Mercedes e soprattutto per la sua terza vittoria stagionale, Lewis Hamilton si è potuto permettere di parlare della diretta concorrenza e in particolare della Ferrari, autrice a Barcellona ben al di sotto di qualunque attesa tanto da farsi beffare pure dalla Red Bull.

E’ chiaro che per noi non è molto eccitante“,  le parole del 5 volte iridato riportate da F1i.com a proposito dell’imbarazzante dominio . “E’ decisamente più divertente potersi battere con altri team che si esprimo al loro migliore livello; senza dimenticare che contando ognuno due piloti, la battaglia diventa ancora più nutrita“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Per il campione di Stevenage avere dei rivali pericolosi plasma anche il modo in cui si lavora. “Quando ci sono diverse vetture vicine tra loro in termini di performance, diventa un gioco di scaltrezza nell’interpretare e sfruttare le proprie forze e le debolezze. Insomma, dal punto di vista della competizione non è un granché non avere competitor. Quando ci si trova a dover combattere per il titolo con il solo compagno di squadra, la F1 perde senso a mio avviso“, la sua riflessione.

Capisco che la gente che guarda le gare possa essere infastidita dal divario tra noi e la Ferrari, tuttavia non è colpa nostra se loro non sono all’altezza. Di certo non lo è dei ragazzi che lavorano per la Mercedes, che invece sono super“, ha poi tirato una frecciata al Cavallino, incapace finora di trovare il bandolo della matassa.

Infine sollecitato su un suo futuro passaggio a Maranello, Ham, anche alla luce del tracollo rosso, si è affrettato a dire: “Non so cosa accadrà un domani. Per adesso il mio obiettivo è rendere il team di Stoccarda il più vincente della storia dello sport. Questo è il mio focus

Chiara Rainis