Ferrari ottimista dopo la prima giornata di test al Montmelo

Ferrari (©Getty Images)

F1 | Ferrari ottimista dopo la prima giornata di test al Montmelo

Sebbene la classifica finale abbia visto Valtteri Bottas di nuovo davanti a tutti con la Mercedes, la Ferrari si è detta soddisfatta al termine del primo dei due giorni di test sul circuito di Barcellona, dove nel weekend ha rimediato un’altra figuraccia.

Nel complesso è stata una giornata positiva“, ha commentato Charles Leclerc, autore di 132 tornate con un miglior crono di 1’16″933 firmato su C2, che gli è valso la piazza d’onore alle spalle del finlandese. “Abbiamo completato la distanza di due GP senza intoppi, raccogliendo dati utili che analizzeremo per comprendere ancora meglio la nostra vettura. Stiamo spingendo al massimo per continuare a migliorare”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A differenza della scuderia avversaria che ha lavorato su tutti i tipi di mescole stravolgendo quanto fatto durante l’inverno quando si era concentrata sulle gomme più dure, la Rossa ha mandato in pista il 21enne soltanto con le C2 e le C3, utilizzate durante la recente gara catalana e che con ogni probabilità non hanno dato la risposta attesa considerato che domenica la scuderia italiana ha concluso giù dal podio.

Vettel impegnato con Pirelli

Per quanto riguarda Sebastian Vettel, il tedesco era in azione con la SF90 ma al servizio del fornitore unico degli pneumatici per la F1. Il driver di Heppeheim ha segnato un 1’18″425 come miglior tempo valido per la nona piazza.

Per lui focus sui compound che vedremo nella prossima stagione, ma pure sul primo prototipo di copertura 2021, dotata di costruzione standard e di una mescola che verrà usata senza termocoperte. Una prova importante sia per il team, sia per il produttore milanese dato che si è trattato di un debutto assoluto per una “scarpa” innovativa capace di andare in temperatura senza alcun ausilio.

Questo mercoledì al volante della monoposto del Cavallino ci sarà Antonio Fuoco.

Chiara Rainis