Ranger Raptor: il pick-up premium arriva in Europa

Nuovo Ranger Raptor: il pick-up premium arriva in Europa

Il nuovo Ranger Raptor fa il suo esordio in Europa e non a caso sceglie il nome di un dinosauro estinto. Arriverà a metà 2019 e si ispira al truck F-150 che sul mercato americano è giunto alla sua tredicesima generazione guadagnandosi il titolo di mezzo più venduto in America. Rispetto alla versione a stelle e strisce avrà dimensioni più ridotte e propulsori adatti all’UE. Da qui la scelta di un motore diesel Ecoblue 2.0 in grado di sprigionare 213 CV e 500 Nm di coppia, in abbinamento ad un cambio automatico efficiente a dieci rapporti.

Il pick up Ranger Raptor è stato testato in Marocco, nella zona desertica di Essaouira, mettendolo a dura prova con le dune di sabbia che si alternano a tratti rocciosi e sconnessi. Forte di un telaio telaio rinforzato composto da acciai ad alti resistenza e acciai basso-legati ha risposto bene alle sollecitazioni a cui è stato sottoposto, grazie anche alle sospensioni che sono state realizzate per affrontare terreni impervi ad alte velocità e agli ammortizzatori Fox con Position Sensitive Damping.

Ranger Raptor monta di serie pneumatici BF Goodrich 285/70 R17, adatti a tutti gli scenari stradali, sviluppati appositamente per lui. Sei le modalità di Terrain Management System tra cui è possibile scegliere: dalla Normal alla Sport, e ancora erba/ghiaia/neve, fango/sabbia, Rock e infine Baja. Il Italia il nuovo Ranger Raptor sarà un mezzo ad esclusivo uso professionale, a causa della sola omologazione autocarro, ma vedendo anche la lista di equipaggiamenti tecnologici (Sync 3 e FordPass Connect) e Adas (mantenimento della corsia e cruise control) potrebbe essere tranquillamente adatto all’uso quotidiano, soprattutto per chi cerca un’auto dalla forte personalità. Il prezzo finale, che lo posiziona nella parte premium del segmento dove c’è Classe X di Mercedes – è di 62.851,60 euro, più elevato rispetto a quelli degli altri pick up della concorrenza generalista.