L’esordiente Rowland porta la Nissan al suo miglior risultati di sempre

Oliver Rowland sul podio dell'ePrix di Monaco 2019 di Formula E (Foto Nissan)
Oliver Rowland sul podio dell’ePrix di Monaco 2019 di Formula E (Foto Nissan)

Formula E | L’esordiente Rowland porta la Nissan al suo miglior risultati di sempre

Nissan e.dams ottiene il suo miglior risultato in Formula E terminando l’e-Prix di Monaco con Oliver Rowland sul podio e due auto nella top five. Rowland ha conquistato il secondo posto, a soli due decimi di secondo (0,201 secondi) dal vincitore della gara, mentre Sebastien Buemi ha incrementato i punti conquistati dal team tagliando il traguardo in quinta posizione. Nissan e.dams infatti, ha concluso la giornata con 31 punti, più di qualsiasi altro team nella terza gara europea della stagione.

Per Nissan, la Formula E è la piattaforma ideale per mostrare la potenza e le prestazioni delle tecnologie dei veicoli elettrici, parte della strategia Nissan Intelligent Mobility. Nissan ha dettato il ritmo nella seconda sessione di prove e sia Buemi sia Rowland sono arrivati alla sessione della Super Pole. L’esordiente nella serie Rowland ha realizzato la maggior parte dei sei migliori risultati in Super-Pole. In questa gara si è classificato in pole ma, a causa di una penalità post-gara del turno precedente a Parigi e una penalità applicata a Mitch Evans a Monaco, è partito dalla terza posizione. Il compagno di squadra Buemi è partito quinto ed entrambi hanno iniziato bene alla prima curva.

Rowland ha agguantato il secondo posto a otto minuti dall’inizio della gara e ha proseguito la battaglia subito dietro al pilota vincitore, Jean-Eric Vergne. Nonostante la conclusione a pochi centimetri di distanza negli ultimi momenti della gara, il pilota inglese ha condotto una gara stellare, arrivando secondo al traguardo. “Quella di Parigi è stata una gara molto deludente, quindi riprenderci come abbiamo fatto oggi, soprattutto considerando la penalità alla griglia di partenza, è stato molto gratificante”, spiega Oliver Rowland. “Oggi è stata determinante la gestione dell’energia, mi sono concentrato per risparmiare il più possibile durante la gara per poi spingere al massimo al traguardo. Negli ultimi due giri ho dovuto valutare bene il rischio. Probabilmente ho anche avuto la possibilità di superare Jean-Eric (Vergne) verso l’interno o di provare una mossa esterna, ma per noi era importante conquistare punti e il podio e andare avanti a Berlino. Non vedo l’ora che arrivino le prossime gare perché stiamo diventando sempre più forti e questo fa ben sperare per il resto dell’anno.”

Buemi ha combattuto una agguerrita battaglia iniziale con Felipe Massa dopo aver attaccato nei primi giri. Successivamente, è dovuto passare in modalità difensiva per mantenere la sua posizione fino alla bandiera a scacchi, resistendo alle pressioni di numerosi rivali. “Ho avuto una gara piuttosto tosta, ma è stata una giornata fantastica per il team”, aggiunge Sebastien Buemi. “Ho fatto una buona partenza ed ero proprio dietro a Oliver, ma dovevo stare attento a non entrare in contatto con il mio compagno di squadra. Ho usato molte energie per sfidare Felipe (Massa), dopodiché ho dovuto risparmiare. La situazione si è fatta più difficile perché dovevo difendere la linea interna e quella non è la linea ottimale per ottenere il miglior tempo sul giro. Alla fine della gara avevo un po’ più di distacco e sono riuscito a realizzare alcuni giri davvero buoni; oggi dovevamo sfruttare al meglio quello che avevamo. Il mio giro in Super Pole è stato un po’ deludente, quindi ho dovuto faticare di più dopo.”

“Lasciare Monaco con una pole position, un podio, due auto tra le prime cinque e il maggior numero di punti di qualsiasi team è un risultato brillante,” ha affermato Michael Carcamo, Nissan Global Motorsports Director. “A Parigi abbiamo avuto un weekend duro, quindi rifarci qui a Monaco è una ricompensa eccezionale per tutti coloro che hanno lavorato duramente per migliorare il nostro assetto”.

Rimangono due gare nella tappa europea del campionato ABB FIA di Formula E: Berlino, in Germania, e Berna, in Svizzera, prima della fine della quinta stagione a luglio a New York. “Il team ha fatto un ottimo lavoro oggi e tutti dovrebbero essere molto orgogliosi del risultato”, ha detto Jean-Paul Driot, Nissan e.dams team principal. “Continuiamo a dare il massimo ogni fine settimana contro avversari incredibilmente forti e questo risultato è per noi un altro passo importante verso il nostro obiettivo, portare Nissan e.dams sul gradino più alto del podio”.