Marc Marquez: “Io e Rossi? Rapporto professionale, normali le tensioni”

Marc Marquez pilota Honda
Marc Marquez (Getty Images)

MotoGP | Marc Marquez: “Io e Rossi? Rapporto professionale, normali le tensioni”

Marc Marquez sta dominando in queste stagioni in MotoGP, ma nonostante i suoi 26 anni si è spesso ritrovato recentemente a battagliare con piloti più giovani di lui. Il rider della Honda ad oggi è ancora al top di questo sport, ma le nuove generazioni già spingono forte e vogliono cercare di spodestarlo.

Come riportato da “Speedweek”, lo spagnolo ha così dichiarato: “Mi piace la Germania, soprattutto perché ho un buon ricordo della gara di Sachsenring. Ho sempre vinto dal 2010. Questa pista si adatta molto bene al mio stile di guida. Come ho spesso detto mi piacciono le piste che girano tanto a sinistra. Non si può sapere però quanto durerà questa serie vincente, l’abbiamo visto ad Austin quest’anno dove sono caduto”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Marc Marquez CLICCA QUI

Lo spagnolo contento della propria carriera

Marc Marquez ha poi proseguito: “In questo momento la mia carriera sta andando molto bene. Dal 2010 ho perso solo 2 volte: nel 2011 in Moto2 contro Bradl e nel 2017 in MotoGP contro Lorenzo. Sono stati anni incredibili. Il mio obiettivo è combattere ogni anno per il campionato, è così che tengo alta la mia motivazione. In Texas tutti dicevano che avrei vinto e invece poi sono caduto. Lo sport è spesso imprevedibile, è questo che rende il tutto così eccitante”.

Infine il rider della HRC ha parlato di Valentino Rossi: “Con Vale il rapporto è buono, ma alla fine è un altro avversario in pista. Questo è normale con tutti i rider. Se uno è il tuo avversario per il campionato non sarà mai il tuo migliore amico. Quando ho combattuto contro Bradl per il titolo nel 2011 c’era un buon rapporto tra di noi, ma un po’ di tensione. In MotoGP è lo stesso, ci sono tensioni, succede quando ci sono due piloti che perseguono lo stesso obiettivo. In questo momento il rapporto con Vale è professionale, siamo due professionisti”.

Antonio Russo