Sebastian Vettel: “Ecco il punto debole della Ferrari”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

F1 | Sebastian Vettel: “Ecco il punto debole della Ferrari”

C’è poco da dire. Dopo quest’ennesima prima fila tutta Mercedes, la Ferrari è definitivamente da bocciare. Incapace di dare cenni vita, nonostante un motore super potenziato, anche a Barcellona, la Rossa ha archiviato il sabato di qualifica, ammutolita da un impressionante 1’15″406 ad opera di Valtteri Bottas che si è portato a casa la pole position davanti al suo compagno di squadra Lewis Hamilton, staccato di sei decimi. Ciò significa che domani, salvo stravolgimenti, andremo a vivere una nuova passerella d’argento e il box di Maranello a guardare.

Dal canto su, Sebastian Vettel, terzo e piuttosto staccato, ha provato a fornire una spiegazione per questa figuraccia. “Qui abbiamo un punto debole ed è il terzo settore“, ha raccontato, dimentico che proprio al Montmelo avevano fatto il botto tra febbraio e marzo. “Abbiamo estratto tutto il potenziale dalla macchina, provando anche a fare qualcosa di diverso nei primi due settori, quindi sono contento, anche se no del tutto“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La piazzola di start ci dà buona opportunità per la corsa. Abbiamo portato dei pezzi aggiornati, tra cui il propulsore e tutto sembra funzionare. Magari non vinceremo qua, ma alla lunga pagherà“, ha chiosato con tono di chi deve sempre rimandare.

Un altro errore per Leclerc

Quinto alla fine della qualifica, il buon Charles ha molto da recriminare. Nel Q2 il monegasco è stato protagonista di un nuovo episodio di foga. Andato a tutto gas su un cordolo, ha costretto i meccanici al lavoro extra per consentirgli di firmare almeno un crono nel Q3.

Non pensavo che il mio sbaglio fosse così grave, ma le conseguenze sono state importanti. Ho voluto spingere un po’ di più ed aggredire maggiormente il kerb“, ha riconosciuto. “Purtroppo è andata così. Sicuramente sarà difficile riuscire andare a caccia delle Mercedes. Siamo lontani e la SF90 non è ancora al top“.

Chiara Rainis