Valtteri Bottas: “Mondiale? Voglio vincerlo, ma non ho pressione”

Valtteri Bottas vuole il Mondiale
Valtteri Bottas (Getty Images)

F1 | Valtteri Bottas: “Mondiale? Voglio vincerlo, ma non ho pressione”

Valtteri Bottas ha cominciato questa nuova stagione di F1 a suon di grandi prestazioni. Il driver della Mercedes contro ogni pronostico della vigilia dopo le prime gare è in testa alla classifica iridata e punta dritto a quel titolo mondiale che lo lancerebbe nella leggenda di questo sport.

Come riportato da “Mundo Deportivo”, Valtteri Bottas ha così commentato questo suo folgorante exploit: “Io non ho pressione, cerco solo di divertirmi. L’anno scorso ho avuto l’opportunità di lottare per il titolo, ma quest’anno credo sia l’occasione più chiara. Non è stato facile all’inizio abituarsi alla Mercedes. Io non uso allenatore, psicologi o cose così, nessuno mi conosce meglio di me stesso. Tutto dipende da me, posso trovare soluzioni da solo”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Valtteri Bottas CLICCA QUI

Il finlandese punta dritto al titolo

Il finlandese ha poi continuato: “Il finale del 2018 è stato piuttosto duro per me mentalmente. Il momento in cui ho dovuto accettare di non poter lottare più per il titolo è stato molto difficile per me. Certo devi sempre pensare alla squadra, ma bisogna pensare anche a sé stessi. Finora lavoravo a lungo termine, ma ora penso a breve termine. Con Lewis se dovessimo arrivare a fine in lotta per il titolo metterà a dura prova il nostro rapporto, ma siamo adulti e sappiamo che entrambi vogliamo vincere e odiamo perdere”.

Infine Valtteri Bottas ha così concluso: “Per me essere in squadra con Hamilton mi dà grande motivazione. Credo che a Baku siamo stati molto corretti entrambi. Non mi piace il glamour, voglio solo correre. Certo vivo a Monaco dove il glamour è di casa, ma è un bel posto dove vivere. In Finlandia mi rilasso e ricarico le batterie. A 5 anni ho provato un kart su una pista a 10 Km da casa mia e non sono voluto più scendere. I miei eroi erano Hakkinen e Salo.

Antonio Russo