Leclerc: “Non è vero che nei test invernali eravamo davanti”

Charles Leclerc (©Getty Images)

F1| Leclerc: “Non è vero che nei test invernali eravamo davanti”

Superato il primo grave svarione commesso con la Ferrari, ovvero l’auto buttata a muro nel corso delle qualifiche di Baku, Charles Leclerc si è mostrato piuttosto combattivo ed ottimista, come d’altronde il compagno di squadra Sebastian Vettel, alla vigilia del GP della Spagna.

Ci sono tanti aspetti positivi dal periodo dei test“, ha sostenuto parlando ai media presenti al Montmelo. “La nostra macchina è valida, ma dobbiamo capire come metterla nelle condizioni che permettono di poterla sfruttare al massimo del suo potenziale. Anche se la Mercedes si è confermata forte in tutte le aree, noi stiamo spingendo e la conferma è data anche dalle tante novità che avremo in questo weekend, compresa una nuova specifica di motore“.

Nel bilancio delle prime quattro gare ci sono anche degli errori, inoltre va registrato l’imprevisto che non mi ha consentito di ottenere un miglior risultato in Bahrain“, ha quindi sottolineato.

Passando invece a parlare dell’inverno scoppiettante del Cavallino, poi smontato non appena cominciato il campionato, il monegasco ha affermato: “Credo non sia stato giusto dire che eravamo molto avanti al termine dei test, ma tornando ad oggi spero che gli aggiornamenti portati qui a Barcellona ci confermino un passo avanti. Per tradizione questa è una pista abbastanza indicativa in merito alla performance di una monoposto, un motivo in più per sperare in un buon passo. Siamo qui per vincere e questo è ciò che vogliamo. Tutto il lavoro che stiamo facendo è focalizzato a migliorare. L’augurio è che i risultati ci daranno ragione”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Tornando al “liscio” dell’Azerbaijan il 21enne ha fatto mea culpa: “Se mi fosse accorto dell’errore avrei imboccato la via di fuga, ma l’ho capito troppo tardi e sfortunatamente non c’era modo di evitarlo una volta che la ruota si è bloccata. In ogni caso lo sbaglio maggiore è stato spingere così tanto in un giro di Q2 probabilmente non necessario”.

Infine dopo essersi proclamato convinto di aver buttato via una vittoria facile nel round azero, al Catalunya Leclerc si è rimangiato l’affermazione: “E’ difficile fare una valutazione precisa, tuttavia eravamo decisamente molto forti prima di quanto successo in qualifica“.

Chiara Rainis