Fabio Quartararo sulla griglia di partenza del GP di Jerez di MotoGP 2019 (Foto MotoGP)
Fabio Quartararo sulla griglia di partenza del GP di Jerez di MotoGP 2019 (Foto MotoGP)

MotoGP | Valentino Rossi, attento! C’è già chi può prendere il tuo posto in Yamaha

C’è almeno un avversario che nemmeno un fenomeno eterno come Valentino Rossi può pensare di sconfiggere all’infinito: il tempo. Il ticchettio dell’orologio, i mesi sfogliati sul calendario, le stagioni che si susseguono inesorabili, prima o poi, ti presentano sempre il conto. E anche se, a quarant’anni suonati, sei ancora allenato, competitivo e affamato di vittorie come il Dottore, diventa sempre più difficile scontrarti con avversari che hanno la metà della tua età.

Ormai non è più un modo di dire, visto che sabato scorso, nel Gran Premio di Spagna, Fabio Quartararo ha stabilito il nuovo record di pilota più giovane di sempre a cogliere una pole position, a 20 anni e 14 giorni. E il giorno successivo solo un guasto tecnico gli ha impedito di coronare il weekend con un ulteriore primato e con il podio finale. Il precedente recordman era Marc Marquez, che la sua prima partenza al palo (nel Gran Premio delle Americhe 2013) la ottenne a 20 anni e 62 giorni, ovverosia 48 giorni più tardi rispetto a Quartararo.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sulle orme di Valentino Rossi

Ecco, se aveste chiesto la carta d’identità ai tre piloti che sabato si sono presentati alla conferenza stampa di rito dopo le qualifiche, vi sareste accorti che il più vecchio era proprio Marquez. Vecchio si fa per dire, visto che oggi il catalano ha compiuto appena 26 anni. Al suo fianco però non c’era solo il 20enne Quartararo, ma anche il nostro Franco Morbidelli, che di anni ne ha appena 24. Una fotografia che dimostra anche plasticamente il cambio della guardia in atto nella MotoGP 2019, dove sta emergendo una nuova e giovanissima generazione di talenti.

A farne le spese rischiano di essere i campioni già formati, come Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo e, soprattutto, proprio Valentino Rossi, l’unico che ha già superato la soglia degli ‘anta’. Peraltro, lui i due pilotini emergenti della classe regina se li ritrova addirittura in Casa, nel senso che sia Quartararo che Morbidelli corrono per la Yamaha, seppure con il team satellite Petronas. Uno dei due, il romano, lo ha addirittura allevato lui, nella sua VR46 Riders Academy, insegnandogli praticamente tutto quello che sa.

Il nove volte iridato ha ancora due anni di contratto, e per ora, almeno a vedere la grinta con cui continua a combattere ogni due settimane, con la sua esperienza e la sua classe immortali, contro i novellini, non sembra avere alcuna intenzione di gettare la spugna anzitempo. Ma quando anche per lui arriverà il momento irrinunciabile di appendere il casco al chiodo, alla Yamaha non mancheranno di certo i piloti pronti e preparati a prendere il suo posto. Anzi, ci sarà solo l’imbarazzo della scelta. E questo, fin d’ora, lo sa bene anche lo stesso Vale.

Fabrizio Corgnati