Baldassarri e Antonelli, gli allievi di Valentino Rossi dominano in Spagna

Lorenzo Baldassarri in cima al podio della Moto2 a Jerez 2019 (Foto MotoGP)
Lorenzo Baldassarri in cima al podio della Moto2 a Jerez 2019 (Foto MotoGP)

Moto2 e Moto3 | Baldassarri e Antonelli, gli allievi di Valentino Rossi dominano in Spagna

L’aria di Jerez sembra aver portato bene ai piloti della VR46 Riders Academy, protagonisti di un week end davvero positivo. Doppia partenza dalla top ten, con Franco Morbidelli capace di strappare la seconda casella in qualifica, che gli ha permesso di scattare dalla prima fila, mentre Francesco Bagnaia, dopo essere entrato in nelle Q2, si è guadagnato la quarta fila in partenza. Ottima la partenza di Morbidelli che si è subito portato in seconda posizione e ha lottato per il podio fino al quindicesimo giro, quando ha iniziato a cedere il passo alla concorrenza per un eccessiva usura delle gomme. Ha mantenuto però la settima posizione fino alla fine, guadagnandosi anche il primo posto come miglior pilota di un team indipendente.

“Con questa settima posizione si è completato un buon weekend per noi – il commento di Franco – Siamo stati molto veloci all’inizio della gara e mi sentivo bene e a mio agio con il ritmo dei primi. Abbiamo gestito bene le gomme, in modo che negli ultimi giri avremmo avuto la possibilità di lottare per essere il miglior team indipendente. È la prima volta che otteniamo questo risultato, quindi è una cosa positiva che dovremmo ripetere”.

Un errore alla curva due ha causato invece la caduta di Francesco Bagnaia che abbandona la gara al 7° giro, dopo essere scattato dalla decima posizione. “E’ stata una gara difficile anche perché non sono riuscito a partire bene – commenta Pecco – Il mio passo gara non era male ma quando ho provato a superare Espargaro ho commesso un piccolo errore e sono caduto. E’ un peccato perché abbiamo lavorato bene in questo week end. Non vedo l’ora di essere a Le Mans, una pista che mi piace molto”.

Terza vittoria in quattro gare per Baldassarri

E’ ancora una volta Lorenzo Baldassarri a incidere il proprio nome nella gara Moto2. Gara caratterizzata da una caduta multipla nelle fasi iniziali, che ha costretto l’organizzazione ad esporre la bandiera rossa e a dare poi il via ad prova ridotta a 15 giri. Dopo il secondo start, “Balda”, che scattava dalla sesta casella, si è tenuto in scia a Fernandez fino a metà gara, quando ha messo a segno l’attacco decisivo e si è portato in testa, mantenendo la posizione fino alla bandiera a scacchi, raddrizzando cosi un weekend iniziato non troppo bene. “Sono molto contento della vittoria – il suo commento – all’inizio c’è stata questa caduta, ho dovuto resettare il cervello e prepararmi per la seconda partenza. Sono ripartito forte e grazie ad un ritmo costante, mi sono mantenuto nelle prime posizioni. Poi, al momento giusto, ho attaccato e siamo riusciti a portare a casa questa terza vittoria in quattro gare”.

Più complicato il week end di Luca Marini che in gara si è difeso come meglio ha potuto. Partito tredicesimo, Luca ha fatto una buona rimonta, chiudendo ottavo e andando per la quarta volta a punti. Ora è settimo nella classifica mondiale. Primi punti iridati e prestazioni davvero positive, invece, per Nicolò Bulega che, al rientro dopo l’operazione, è stato il miglior rookie di giornata. Scattato dalla quinta posizione, Nicolò ha fatto una bella partenza, ma è stato poi risucchiato nel gruppone. Un sorpasso nel finale gli ha consentito di chiudere 9° dietro al compagno di squadra. “Centrare la top 10 al rientro dopo l’operazione – spiega Bulega,  il pilota dello Sky Racing Team VR46 – è un bel risultato sia per me che per tutto il Team e sono contento. Anche in qualifica abbiamo fatto bene e dobbiamo continuare così. Migliorare sempre più e lavorare su ogni dettaglio”.

Anche Stefano Manzi rientrava dall’operazione chirurgica seguita all’infortunio subito in Argentina. Per lui, protagonista di un positivo warm up, un 21° posto fuori dalla zona punti. Weekend sfortunato per Marco Bezzecchi, coinvolto suo malgrado nell’incidente alla seconda curva, nel quale finisce a terra per evitare, con un vero miracolo, Ekki Pratama. Con la moto danneggiata e con un braccio lievemente infortunato, Bezzecchi ha chiuso il suo Gp 22°.

Antonelli-Vietti, due piloti VR46 sul podio

In una gara adrenalitica e ricca di emozioni, che ha visto tutti i piloti della VR46 Riders Academy protagonisti sin dalle prime battute, si registra il ritorno sul primo gradino del podio di Niccolò Antonelli e il secondo podio in carriera per Celestino Vietti, che chiude 3°. Una gara combattutissima fino all’ultimo, che alla fine ha premiato il pilota di Cattolica. Ottima anche la prova di Vietti, che scattava dalla prima fila e che ha lottato fino all’ultimo con Antonelli e Suzuki, con i quali si è alternano al comando della corsa.

“È bellissimo tornare alla vittoria, è una sensazione fantastica – il commento di Antonelli -. A metà gara mi sono ritrovato dietro dopo un contatto molto forte ma ero veloce perché in questo weekend ho lavorato molto bene e dunque ho avuto la forza per risalire, ho avuto il passo per ritornare davanti. Il mio compagno di squadra è poi arrivato secondo e per il mio team è davvero fantastico“.

“Non riesco a pensare ad un weekend migliore di questo. E’ stata una gara tanto combattuta – le dichiarazioni di Vietti – mi trovo bene con la moto, a metà sono andato in difficoltà con le gomme ma alla fine ho provato anche ad attaccare Antonelli. Va bene così, sono davvero molto contento per il Team. E’ andata bene anche la partenza”. Chiude nella top ten Andrea Migno, autore del miglior tempo nel warm up e di una buona rimonta. Scattato dalla tredicesima casella in griglia e retrocesso in diciassettesima a nove giri dal termine, ha chiuso con un positivo 10° posto. Finale amaro per Dennis Foggia. Il pilota romano dello Sky Racing Team V46, scattato dalla seconda fila, è stato protagonista di una buona gara, sempre a contatto con le posizioni pesanti. Al traguardo è 11°, ma una doppia sanzione lo ha fatto scivolare in sedicesima posizione, fuori dalla zona punti.