La ricetta di Daniil Kvyat per avere una F1 migliore

Daniil Kvyat (©Getty Images)

F1 | La ricetta di Daniil Kvyat per avere una F1 migliore

L’idea gli è venuta dopo i fatti dell’Azerbaijan, ovvero dopo che a dieci minuti dall’avvio della prima sessione di prove libere, un tombino mal fissato faceva andare in mille pezzi il fondo della Williams di George Russell costringendo la direzione gara a sospendere l’azione fino al pomeriggio. Secondo Daniil Kvyat il venerdì della F1 dovrebbe essere rimosso.

Il motivo è semplice: i tracciati sono ormai più o meno gli stessi da tempo, di conseguenza lo sono pure gli assetti adottati, per cui non vi sarebbe alcuna ragione di macinare chilometri extra.

Insomma, il russo della Toro Rosso ne è convinto. Il primo giorno di attività andrebbe mandato in pensione a causa della sua totale inutilità. Al suo posto due giornate belle concentrate in vista anche di un potenziale allungamento del calendario a 25 GP.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Forse dovremmo scendere in pista dal sabato“, le sue parole riportate da F1i.com. “In fin dei conti le scuderie conoscono a memoria i circuiti. Se dovessimo avere bisogno di un po’ più di giri sarebbe solo per sedi nuovecome  Hanoi l’anno prossimo“.

“Ovviamente sta alla dirigenza della serie decidere cosa è giusto. Ogni driver è differente. C’è che ha bisogno di cinque ore, ma io no”, ha quindi rilanciato.

Dello stesso avviso anche il boss della Red Bull Christian Horner, persuaso da quanto accaduto a Baku che il venerdì non serva più di tanto.

Molto dipenderà dal numero di appuntamenti che finiremo per avere. Se aumenteranno di molto, si dovrà pensare ad un format più condensato. Nell’ultimo round abbiamo avuto la prova che un turno solo di libere è sufficiente. Dunque potrebbe essere quella una soluzione da adottare. In questo modo si consentirebbe a mezzi e persone di arrivare sul posto un po’ più tardi“, ha argomento il manager inglese riallacciandosi alla famosa questione dell’eccessiva assenza da casa del personale al seguito della F1.

Chiara Rainis