Caso Vannini, bufera sulla conduttrice di ‘Un Giorno in Pretura’ – VIDEO

caso vannini
Ancora polemiche sul caso Vannini: nel mirino finisce ‘Un Giorno in Pretura’

Forti critiche sulla trasmissione ‘Un giorno in Pretura’ dopo l’intervento della conduttrice Roberta Petrelluzzi. L’accusa: “Difende Martina Ciontoli”.

Il caso Vannini si arricchisce di un nuovo controverso episodio. Durante la trasmissione ‘Un Giorno in Pretura’, in onda su Rai 3 e che si occupa di controversi casi giudiziari, molto spesso di cronaca nera, la conduttrice Roberta Petrelluzzi si è sbilanciata con un post pubblicato in favore di Martina Ciontoli. Lei è la figlia di Antonio Ciontoli, condannato con una recente sentenza d’Appello per l’omicidio del giovane laziale, avvenuto nel mese di maggio del 2015 in circostanze alquanto concitate e non ancora del tutto chiare, nonostante si sia passati da tempo in aula di tribunale. E Martina era anche la fidanzata del povero Marco Ciontoli. Anche lei, il fratello e la madre hanno subito delle condanne per la morte di Marco. Ma l’opinione pubblica è dell’idea che tutta la famiglia Ciontoli abbia ricevuto delle pene troppo lievi. La Petrelluzzi, con il suo intervento, è parsa andare controcorrente però. L’impressione è stata quella di aver voluto ridimensionare il ruolo giocato da Martina in questa storia.

LEGGI ANCHE –> Incidente nella notte, muore persona amata da tutti

Caso Vannini, la Petrelluzzi a Martina Ciontoli: “Eri sicuramente in confusione”

La stessa conduttrice di ‘Un Giorno in Pretura’ ora respinge qualsiasi accusa e dalle pagine del ‘Corriere della Sera’, all’interno della rubrica ‘Le Parole della Settimana’ curata da Massimo Gramellini ha voluto fornire una replica decisa. “In Italia ormai ci si schiera da una parte o dall’altra come se si parlasse di una partita di calcio. Si fanno petizioni per far si che una ragazza venga radiata dall’ordine degli infermieri”. Riferimento proprio a Martina Ciontoli, fatta oggetto di una raccolta di firme online organizzata proprio per questo scopo. E relativamente al caso Vannini, la Petrelluzzi si rivolge infine proprio a Martina Ciontoli. “Voglio credere che tu non abbia saputo agire in una situazione di panico”. Ma le critiche continuano e l’atteggiamento della giornalista viene ancora visto come una mancanza di rispetto a riguardo della famiglia di Marco Vannini.