Andrea Dovizioso rivela: “Abbiamo trovato cose da usare da qui in poi”

andrea dovizioso MotoGP Jerez
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

MotoGP | Andrea Dovizioso rivela: “Abbiamo trovato cose da usare da qui in poi”

In casa Ducati dopo gli elogi post-prima gara si lavora a testa a bassa. Gli ultimi GP non sono stati di certo esaltanti, complici anche piste in cui storicamente la Rossa non ha mai dato il meglio di sé. Andrea Dovizioso però è riuscito comunque a difendersi bene portando sempre a casa la moto e qualche buon piazzamento. Oggi per lui e per la casa di Borgo Panigale è stata giornata di test a Jerez.

A margine delle prove Andrea Dovizioso ha così affermato: “I test post-gara sono sempre utili, perché ci consentono di lavorare senza pressione e valutare alcune modifiche che solitamente non possiamo provare durante il weekend di gara, dove il tempo è limitato. Pur non avendo novità tecniche particolari a nostra disposizione, abbiamo lavorato su diversi dettagli, sia a livello di elettronica che di assetto, per capire in maniera più approfondita come questi cambino il comportamento della moto, ed abbiamo raccolto indicazioni utili che possiamo utilizzare su qualsiasi tracciato da qui in poi”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Andrea Dovizioso CLICCA QUI

Dovi e Petrucci spingono la Ducati a crescere

Infine il rider italiano ha così concluso: “Inoltre abbiamo provato anche un’evoluzione di pneumatico medio, con buoni riscontri. Si può sempre migliorare, sia a livello di guida che di pacchetto tecnico, ed andremo a Le Mans con le idee ancora più chiare su come farlo”.

A fargli eco ci ha pensato poi anche l’amico e compagno di team Danilo Petrucci: “In questi test ci siamo focalizzati sul lavoro in vista del prossimo round, senza preoccuparci del ‘time attack’. Ho provato alcuni componenti e diverse modifiche di assetto, utilizzando soltanto mescole dure e portando le gomme a distanza di gara per capire come migliorare il passo. In particolare, abbiamo lavorato per massimizzare sia la stabilità in frenata che la velocità di percorrenza in curva, individuando alcune soluzioni che dovrebbero funzionare bene a Le Mans. Sono abbastanza soddisfatto di ciò che abbiamo provato ed il feeling con la moto è buono, quindi spero di compiere un altro passo avanti in Francia”.

Antonio Russo