Alexander Albon: “Vi rivelo il segreto di Charles Leclerc”

Charles Leclerc (©Getty Images)

F1 | Alexander Albon: “Vi rivelo il segreto di Charles Leclerc”

Autore di un avvio di stagione discreto considerata la sua condizione di debuttante assoluto in F1 Alexander Albon, dall’alto dei suoi 3 punti contro il punticino del navigato compagno di squadra Danill Kvyat, si è preso il lusso di parlare della concorrenza non esattamente diretta, ossia della Ferrari.

In particolare il britannico si è fermato sulla figura di Charles Leclerc, reduce da un 2018 di apprendistato con l’Alfa Romeo Sauber e ora spina nel fianco di Sebastian Vettel al Cavallino.

Io lo conosco sin dall’epoca dei kart e posso dire che possiede un’arma vincente“, ha affermato a Motorsport-Total a proposito del monegasco suo compagno di battaglie in Formula 2. “Lui avverte immediatamente il grip anche quando piove e non ha alcuna debolezza sia nelle curve lente, sia in quelle medie o veloci“, ha aggiunto proclamandosi poco sopreso della capacitò del #16 di mandare in crisi il quattro volte iridato. “Se si riesce ad essere più rapidi di lui non è comunque per più di due o tre decimi. In ogni caso se lo incontri nel paddock ti rendi conto che non è cambiato nel tempo. E’ rimasto lo stesso ragazzo ambizioso, di talento e modesto“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Vettel dà ragione a Leclerc

Sempre del promettente 21enne ha parlato pure il driver di Heppenheim che con ruffianeria ha giustificato l’atteggiamento “racer” del team-mate ogni qualvolta è stato invitato a farsi da parte e a far passare avanti lui.

Le corse sono la nostra vita, la nostra passione e  ciò che succede in pista ci sta a cuore. E’ normale che Charles reagisca così. Tutti abbiamo voglia di vincere e di essere competitivi al massimo, di conseguenza è un buon segno se via radio si lamenta“, ha commentato il #5. “Allo stesso modo quando si è al volante si è sotto pressione, per cui ci sta che si risponda con certi toni“, lo ha infine giustificato.

Chiara Rainis