Uomo di 43 anni si fingeva un poliziotto poi commetteva delle atrocità

omicidio suicidio ragusa
Polizia (foto dal web)

Un 43enne è stato arrestato dalla Polizia Stradale di Caserta con l’accusa di essersi finto un poliziotto e di aver picchiato e violentato alcune prostitute.

Un uomo di 43 anni è stato arrestato dagli agenti della Polizia Stradale di Caserta, i quali hanno eseguito un’ordinanza del gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. L’uomo sarebbe accusato di essersi finto un agente di Polizia e di aver violentato alcune prostitute. A far scattare le indagini che hanno portato all’arresto sarebbero state le denunce di alcune prostitute originarie dell’Europa dell’Est che sarebbero state adescate dal 43enne. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’uomo, dopo averle minacciate con una pistola, riempiva di botte e violentava le sue vittime dicendo di essere un agente della Polizia di Stato.

Si fingeva un poliziotto poi picchiava e violentava le prostitute

Un agghiacciante vicenda quella ricostruita dagli inquirenti che hanno arrestato un uomo di 43 anni dopo un’accurata indagine. A far scattare le manette, secondo quanto riportato dalla redazione de Il Mattino, è stata un’ordinanza del gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere eseguita dagli agenti della sezione di polizia giudiziaria della Polizia Stradale di Caserta. L’uomo, secondo quanto emerso dalle indagini coordinate dalla Procura diretta da Maria Antonietta Troncone, avrebbe finto di essere un agente della Polizia di Stato e avrebbe picchiato e violentato alcune prostitute nei territori di Castel Morrone e Pignataro Maggiore, entrambi comuni in provincia di Caserta. Nello specifico, l’uomo avvicinava le prostitute ed una volta fatte salire in macchina e portate in un luogo isolato, le avrebbe minacciate con una pistola ed in seguito picchiate e costrette ad avere rapporti sessuali non protetti per poi minacciarle di non raccontare quanto accaduto. Gli inquirenti avrebbero anche accertato un episodio: il 43enne dopo aver violentato una prostituta l’aveva gettata dalla sua auto in corsa in una scarpata. La donna si sarebbe salvata grazie l’aiuto di un passante. Le indagini sono scattate dopo la denuncia di alcune prostitute, tutte originarie dell’Europa dell’Est. Le vittime, secondo quanto riportato da Il Mattino, hanno riconosciuto il loro aggressore che è stato trasferito in carcere in seguito all’arresto.

Leggi anche —-> Pensionato ucciso dalla baby gang: emerge un’agghiacciante rivelazione