Charles Leclerc risponde alle critiche: “Non sono un bugiardo”

 

Charles Leclerc (© Getty Images)

F1 | Charles Leclerc risponde alle critiche: “Non sono un bugiardo”

Quello “stupido” che Leclerc si era auto-indirizzato dopo lo schianto durante le qualifiche contro le barriere del circuito di Baku, e in seguito ripetuto davanti alle telecamere di tutto il mondo, alle orecchie di qualcuno è suonato come falso e strategico. In sintesi, un’affermazione un po’ ruffiana da parte di Charles, per tenersi buona la squadra e soprattutto mettere le mani avanti prima di essere punzecchiato dalla stampa.

Intervistato dal Matin di Montecarlo in occasione di un evento,  il giovane talento del Cavallino ha così colto l’occasione per rimandare al mittente queste accuse.

Non è vero. Le mie parole sono state spontanee. Una reazione naturale. Sono sempre stato molto critico con me stesso, sin dall’epoca dei kart“, ha controbattuto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Incalzato sulla sbocciata rivalità con il collega di box Sebastian Vettel nonostante le iniziali dichiarazioni d’amore reciproche, il 21enne ha cercato pure qui di tamponare le voci. “Ho notato che ci sono diversi commenti sulle piattaforme sociali a proposito del mio rapporto con Seb e in un certo senso lo capisco. In Mercedes Hamilton e Bottas sono assieme da un po’, mentre la Ferrari ha appena chiamato un giovane driver, dunque è normale che l’attenzione ora sia su di me“.

Infine ponendosi un target per il 2019, il monegasco lo ha ridotto a migliorare le performance della SF90. “Seppure come auto necessiti di assetti molto precisi, possiede del potenziale“, ha analizzato. “In Australia e in Cina le Frecce d’Argento sono state più veloci di noi, ma in Bahrain e ugualmente in Azerbaijan avevo tra le mani la monoposto più competitiva. Per raccontarla in termini tennistici la scuderia tedesca si è portata a casa un break, ma il match è ancora lungo. Penso che ci sia tutto per poter vincere e anche il team ne è convinto. Adesso dovremmo soltanto cercare di far progredire la vettura e con il set-up giusto riusciremo a farcela“, ha dunque concluso.

Chiara Rainis