6 Ore di Spa: Vittoria sotto la neve per Fernando Alonso

6 Ore Spa 2019 (©Fernando Alonso Twitter)

WEC | 6 Ore di Spa: Vittoria sotto la neve per Fernando Alonso

No, la foto che abbiamo messo non è un falso. E’ tutto vero. Proviene infatti dalla pagina Twitter del Samurai e per data fa 4 maggio 2019.

L’equipaggio Toyota formato da Fernando Alonso, Sébastien Buemi e Kazuki Nakjima si è portato a casa una 6 Ore di Spa – Francorchamps che rimarrà nei libri di storia dell’automobilismo per le condizioni climatiche anomale che l’hanno caratterizzata. Pioggia, freddo e neve hanno pesantemente influenzato la gara di durata, rallentata anche dall’ingresso per ben quattro volte della Safety Car.

L’interruzione con 10 minuti d’anticipo – Proprio a causa dei fiocchi bianchi caduti in abbondanza, la direzione corsa ha deciso di sventolare la bandiera rossa e decretare la fine quando ancora mancavano una decina di minuti allo scadere delle sei ore.

Wow, vittoria alla 6 Ore di Spa, in un round in cui abbiamo avuto sole, pioggia e neve! Grazie alla squadra e ai miei compagni per il lavoro fantastico fatto“, ha scritto su Instagram l’asturiano.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Toyota al top tra i costruttori – Grazie al successo incassato dalla vettura #8, il marchio giapponese ha così potuto festeggiare la conquista della coppa marche, malgrado, a circa tre ore dall’avvio, la #7 del trio Mike Conway – Kamui Kobayashi e José- Maria Lopez abbia accusato noie ad un sensore dei freni e, a seguito del ritardo accumulato al box per la riparazione, non sia riuscita ad andare oltre la sesta piazza.

Nella generale piloti, quando manca un solo appuntamento alla chiusura, Alonso, Buemi e Nakajima vantano un margine di 31 lunghezze.

Nella classe LMP2 primo centro stagionale per la Dragon Speed grazie ad un’ottima prestazione di Pastor Maldonado. Il venezuelano, ex F1 è stato bravo a scavare un vantaggio di una decina di secondi sul duo di inseguitori Aubry e Lapierre, e a limitare i danni legati all’ingresso della vettura di sicurezza.

Chiara Rainis