Moto2 Jerez, Stefano Manzi ritorna in pista più concentrato di prima

Stefano Manzi nelle qualifiche Moto2 a Jerez 2019 (Foto Forward)
Stefano Manzi nelle qualifiche Moto2 a Jerez 2019 (Foto Forward)

Moto2 | Jerez, Stefano Manzi ritorna in pista più concentrato di prima

Giornata nuvolosa ma senza pioggia quella che ha visto i piloti del team MV Agusta Idealavoro Forward Racing cimentarsi nell’ultima sessione di prove libere del week-end e nel pomeriggio nei turni di qualifica. Nella categoria intermedia del campionato del mondo, la Moto2, il livello si conferma anche sul primo circuito europeo molto alto. I piloti sono tutti a pochi decimi di distanza gli uni dagli altri ed ogni dettaglio contribuisce a fare la differenza.

Stefano Manzi ha dimostrato di essere tornato in pista ancora più concentrato di prima, riuscendo sin dal primo turno, a migliorare i suoi risultati ed accorciando notevolmente il distacco dai primi. Il cadetto della VR46 Riders Academy sta trovando, ogni giorno di più, il giusto feeling con la sua MV Agusta F2, riuscendo così ad accumulare informazioni utili per il suo continuo progresso in pista. Manzi partirà domani dalla settima fila in griglia di partenza, a soli 8 decimi dal primo. “Dopo una mattina difficile, siamo ritornati al setting di ieri con il quale mi trovavo bene, le modifiche apportate nelle FP3 non sono state producenti”, dichiara Stefano. “Per me è la miglior qualifica dall’inizio dell’anno, sono stato a un passo dall’andare in Q2. Sono contento dei continui miglioramenti, siamo molto più vicini alla testa rispetto alla prima gara del Qatar. Ci stiamo preparando al meglio per la gara di domani, che sarà molto lunga e impegnativa, dove darò il massimo come sempre”.

Dominique Aegerter, dall’altra parte del box, sta ancora migliorando le sue sensazioni con l’impianto frenante. Nonostante ciò, anche il pilota svizzero è in costante crescita e con un’attitudine molto propositiva allo sviluppo e all’evoluzione della giovanissima sella che conduce. Aegerter scatterà questa volta dall’ottava fila. “Abbiamo faticato un po’ in queste qualifiche, ma il ritmo è buono”, spiega Dominique. “Il mio passo gara è in netto miglioramento e questo mi fa essere positivo. Mi devo preparare al meglio per i 23 giri della gara, il piazzamento in griglia di partenza non è quello che meritiamo, ma ce la metteremo tutta per dimostrare il nostro potenziale domani. Farò del mio meglio per superare più piloti possibili e portare la mia MV Agusta nelle posizioni che si merita”.

Il team ed i piloti rimangono concentrati in vista della gara di domani e utilizzeranno anche il warm-up per gli ultimi aggiustamenti prima dei 23 giri di pista che avranno inizio alle 12:20, sul circuito di Jerez de la Frontera, in Spagna. “Inizio col dire che sono contento”, conclude il team owner Giovanni Cuzari. “Nonostante le posizioni di partenza di domani non sono quelle che, a mio avviso, ci rappresentano, abbiamo evidenza che i miglioramenti, gara dopo gara, ci sono. In meno di un secondo ci sono ben 22 piloti, questo significa che il livello è davvero alto, siamo tutti vicini e alla nostra quarta gara dal debutto, anche noi stiamo dicendo poco alla volta la nostra. Controllando i dati crediamo che, se gestita bene, la giornata di domani potrà essere positiva. Ora però pensiamo al presente e andiamo avanti a lavorare concentrati per arrivare in gara pronti a dare il massimo”.