Moto2 GP Spagna, anche Manzi torna in pista dopo l’operazione

Stefano Manzi in pista a Jerez sulla sua MV Agusta nel GP di Spagna di Moto2 2019 (Foto Forward)
Stefano Manzi in pista a Jerez sulla sua MV Agusta nel GP di Spagna di Moto2 2019 (Foto Forward)

Moto2 GP Spagna | Anche Manzi torna in pista dopo l’operazione

È sotto il caldo sole spagnolo ed un forte vento pomeridiano, che termina la prima giornata di prove libere per il team MV Agusta Idealavoro Forward Racing. La mattinata è stata investita positivamente, provando nuovi aggiustamenti e riuscendo a concludere le FP1 con un’importante riduzione del gap dai primi. Anche durante le FP2 sono stati provati importanti aggiornamenti della giovane MV Agusta F2.

Dominique Aegerter ha segnato il suo miglior tempo nella classifica combinata a 1:42’662, a 8 decimi dal primo: “Stamattina è andata piuttosto bene, mi sentivo a mio agio sulla moto e abbiamo chiuso a soli 8 decimi dalla testa. Nel pomeriggio, invece, abbiamo fatto molti più giri, mantenendo la stessa gomma del mattino, e lavorando per la gara, con condizioni climatiche davvero calde.  Il vento era davvero forte e ho fatto fatica a girare veloce. Abbiamo apportato piccole modifiche alla telemetria e prevediamo per domani di provare ulteriori aggiustamenti. Nel complesso la pista è davvero bella quindi sono fiducioso di poter fare un buon lavoro durante il week end. Spero che domani il vento diminuisca un po’, l’obiettivo sarà di fare delle buone FP3, e come al solito, tenterò di entrare direttamente in Q2”.

Stefano Manzi, tornato in possesso del suo posto nel box dopo l’infortunio in Argentina, è riuscito da subito ad avere un buon feeling con la sua F2, stoppando il cronometro a 1:42’765: “Finita anche questa giornata. Intanto ci tengo a dire che sono contento di essere tornato qui insieme al mio team e alla mia moto. In America è stata dura guardare da casa e mi è mancato tutto davvero molto. Questa mattina il turno è andato bene e, nonostante non abbia cambiato la gomma siamo riusciti a terminare a nove decimi ed a ridurre notevolmente il gap dai primi. Nel pomeriggio invece si è alzato un forte vento che non mi ha permesso di migliorare il tempo di questa mattina, come un po’ tutti del resto. In FP2, comunque, ho provato un nuovo aggiornamento della moto che mi piace molto e quindi, sperando che il vento cali, sono propositivo verso la giornata di domani”.

L’appuntamento è fissato per domani, ore 10:55 con le FP3 e alle 15:05 con i due turni di qualifiche. Giovanni Cuzari, Team Owner, conclude: “Prima di tutto sono molto contento che Stefano sia tornato dopo l’infortunio di cui è stato vittima in Argentina e che lo ha costretto a saltare il GP delle Americhe per via di un intervento al polso destro. Ciò detto, sono soddisfatto di questa prima giornata. Abbiamo, anche questa volta, provato molto materiale nuovo e continueremo a farlo anche domani del terzo turno di prove libere. Entrambi i piloti sono entusiasti degli aggiornamenti proposti e questo ci fa intendere che stiamo imboccando la giusta direzione. Positiva è stata soprattutto la mattinata, dove sia Dominique che Stefano sono riusciti a portare le loro F2 sempre più vicino al gruppo di testa, entrambi a meno di 9 decimi dal primo. Ora rimaniamo concentrati e continuiamo ad analizzare i dati in vista delle qualifiche di domani”.