Moto2, a Jerez torna Nicolò Bulega dopo l’infortunio nel team Sky VR46

Nicolò Bulega nei box del team Sky VR46 (Foto Sky VR46)
Nicolò Bulega nei box del team Sky VR46 (Foto Sky VR46)

Moto2 | A Jerez torna Nicolò Bulega dopo l’infortunio nel team Sky VR46

Al via a Jerez, in Spagna, la prima tappa europea del Motomondiale 2019. In Moto2, torna nel box dello Sky Racing Team VR46 Nicolò Bulega, costretto a saltare il GP delle Americhe dopo l’intervento al braccio. “Sono contento di tornare in sella alla mia moto dopo l’operazione e sono ancora più contento di poterlo fare a Jerez, un tracciato che ho nel cuore per tanti motivi”, spiega Bulega. “Mi piace praticamente tutto di questa pista, ma le ultime due curve, la 11 e la 12 prima del rettilineo finale, sono speciali. Sarà un weekend particolare, ma abbiamo tanti dati dei test da cui ripartire e anche fisicamente sto riprendendo il ritmo dopo l’intervento al braccio”.

Al suo fianco, Luca Marini è pronto ad accorciare ulteriormente le distanze dai primissimi dopo tre sigilli consecutivi nella top 10 e due settimane di riabilitazione e lavoro in palestra. Velocissimo sulla pista andalusa ai test ufficiali dello scorso febbraio, Nicolò cercherà di non perdere terreno rispetto ai più forti. “Arrivo a questo GP dopo aver sfruttato a pieno le due settimane di stop dopo il Texas per continuare la riabilitazione alla spalla ed essere sempre più competitivo”, dichiara il fratello minore di Valentino Rossi. “Jerez è una tra le mie piste preferite: è bella, spettacolare, soprattutto la sequenza finale di curvoni veloci. Nella pre season abbiamo fatto un gran lavoro su questo tracciato e i riscontri sono stati positivi. Le condizioni climatiche saranno differenti, ma possiamo fare bene”.

Dopo la bella gara di Austin, sono pronti a centrare ancora punti e top 10 anche Dennis Foggia e Celestino Vietti Ramus in Moto3. Entrambi estimatori del layout del circuito intitolato ad Angel Nieto, cercheranno di sfruttare nel migliore dei modi i dati raccolti proprio a Jerez in occasione dei test della pre season. “Jerez è forse la pista che conosco meglio dell’intero calendario”, commenta Foggia. “Ho corso tante gare qui, fatto tanti test e sono pronto ad affrontare al meglio questo primo GP Europeo. Sono carico, motivato a fare bene per iniziare a scalare la classifica e riportarmi più vicino ai primissimi. Sarà un weekend tutto di traverso e full gas: come l’ultima curva, la mia preferita!”. Aggiunge Vietti: “Arriviamo a Jerez, un circuito decisamente familiare dopo tante gare fuori Europa e su tracciati sconosciuti. Ripartiremo dai dati dei test con l’obiettivo di arrivare quanto più vicini al gruppo in qualifica e poi in gara. Punti e testa del Campionato rookie sono sempre nel mirino”.

La conclusione al team manager Pablo Nieto: “Dopo tre gare fuori Europa, arriviamo su una delle più belle piste del calendario, che piace moltissimo ai piloti e caratterizzata da un tifo speciale. Un tracciato che tutti i nostri ragazzi conoscono bene, fin dalle classi minori, e su cui abbiamo raccolto tanti dati e riferimenti. Tra lo scorso novembre e le sessioni di test di questo inverno, abbiamo avuto l’occasione di testare qui la nuova Moto2 e i riscontri sono stati buoni. Le condizioni climatiche saranno differenti, ma Luca e Nicolò sono stati davvero competitivi. Luca ha sfruttato queste due settimane di stop per lavorare sulla spalla e accorciare così le distanze dai più forti. Nicolò invece tornerà in pista dopo l’intervento al braccio e avrà bisogno di riprendere il ritmo, ma Jerez è sempre stato un tracciato a lui amico. La nostra coppia Moto3 è pronta a farci divertire: Dennis e Celestino hanno le carte in regola per fare bene”.