Crutchlow Cal MotoGP Argentina 2019
Cal Crutchlow (©Getty Images)

MotoGP, Cal Crutchlow: “Io e Lorenzo siamo diversi…”

Dopo aver iniziato la stagione con un podio promettente sul circuito di Losail, Cal Crutchlow non ha avuto fortuna negli eventi di Argentina e Austin. Il pilota britannico è stato condizionato da un ‘jump start’ in Argentina che lo ha costretto a passare attraverso la pit lane, condannandolo a rinunciare ad un podio quasi certo.

In Texas una caduta inaspettata mentre lottava con Valentino Rossi per il secondo posto ha rovinato le speranze di un Crutchlow che è fiducioso che il suo passo gli permetterà di lottare per i primi tre posti nel prossimo evento a Jerez de la Frontera.

Mentre Cal Crutchlow ha elogiato più volte il lavoro che la Honda ha fatto con la RC213V 2019, il pilota LCR Honda crede che la sua moto stia ancora perdendo terreno in curva rispetto ad altre fabbriche, un fattore risulta evidente soprattutto quando si trova all’inseguimento, dove non è possibile sfruttare la grande forza della Honda: la frenata.

A differenza della Yamaha Crutchlow ritiene che Honda sia una moto che si adatta meglio alle circostanze di ogni circuito: “In piste con poco grip siamo più veloci di altri, anche se la nostra moto non può essere la migliore in termini di grip come a Phillip Island”. Secondo il pilota britannico, invece, Jorge Lorenzo va meglio sui tracciati con più grip per via del suo differente stile di guida: “Guidiamo la moto in un modo diverso, ma preferisco che la pista abbia un buon livello di aderenza”.

Cal Crutchlow ha anche valutato la prima vittoria di Alex Rins in MotoGP dopo aver battuto Valentino Rossi in una mano intensa a portata di mano in COTA: “Sono felice per Alex, meritata questa vittoria, anche Suzuki ha lavorato duramente per raggiungere questo successo. Dalla fine dell’anno scorso ha dimostrato di essere un missile”.