(Image by Motor1)

La Nürburgring Nordschleife a Nurburg, in Germania, non è solo una pista per chiunque voglia spingere la propria auto ai suoi limiti fisici. E’ anche una casa per diversi produttori che valutano le loro auto, con o senza motori di prova, per la loro affidabilità stradale. Toyota Motor Corporation è uno di questi produttori.

Il marchio giapponese ha iniziato il funzionamento parziale del Toyota Technical Center Shimoyama – un nuovo centro di ricerca e sviluppo situato nel cuore di Toyota City nella prefettura di Aichi, in Giappone.

Il rapporto è stato ufficialmente annunciato da Toyota sul loro sito web, due mesi dopo l’uscita dei rapporti sulla sua costruzione.

(Image by Motor1)

Il Toyota Technical Center Shimoyama è una struttura di 650,8 ettari che ospita corsi di prova specializzati, corsi di prova ad alta velocità, strutture per lo sviluppo dei veicoli e un corso di prova su strada nazionale.

Quest’ultimo è un percorso di 5,3 km che è simile al Nürburgring, anche se con un dislivello di 75 metri. Sfrutta la topografia locale e presenta un’ampia gamma di curve e angoli. Da notare che 50 persone hanno iniziato a lavorare sul nuovo circuito di prova, composto per lo più da collaudatori.

(Image by Motor1)

Con l’obiettivo di realizzare auto sempre migliori, abbiamo continuato a fare diversi sforzi per “sentire la strada” e “dialogare con le auto” attraverso prove di guida in tutto il mondo, tra cui il nostro progetto Five Continent Drive Project e la 24 ore del Nürburgring endurance race. Sulla base di tali esperienze, abbiamo replicato una varietà di strade del mondo nel nuovo percorso di prova. Oltre a condurre test di guida in tutto il mondo, e con la riproduzione di condizioni di guida severe al nuovo corso di prova, abbiamo intenzione di affinare completamente tutti i nostri modelli e sviluppare i tipi di auto che incarnano la vera gioia di guida“, ha detto il presidente della Toyota Akio Toyoda.

Le altre parti del Toyota Technical Center Shimoyama – i corsi di prova specializzati e ad alta velocità, saranno aperti entro il 2023.