Nico Rosberg (©Getty Images)

F1 | Nico Rosberg nega: “Non sono stato cacciato dal paddock”

L’interessato l’ha bollata come una fake news. Nico Rosberg ha dichiarato di non aver subito il divieto di ingresso nei paddock di Baku e Montmelo dopo aver ceduto il propri pass.

Alla vigilia del GP dell’Azerbaijan era circolata l’indiscrezione di una punizione della durata di due gare inflitta da Liberty Media al campione del mondo 2016 per un eccesso di bontà del tedesco che, a Shanghai, avrebbe passato sottobanco il proprio lasciapassare speciale permanente al cameraman che lo segue nel suo lavoro per SKY UK, in modo da consentirgli di fare delle riprese sulla griglia di partenza altrimenti a lui interdetta.

Ora, a weekend terminato, tutto è stato occultato, o meglio, l’ex iridato ha mandato avanti il suo manager Georg Nolte, a negare tutto.

Si tratta di una voce non vera“, avrebbe detto l’assistente sulle rive del mar Caspio. “C’è stata una breve discussione in Cina con il delegato che si occupa degli accrediti per il Circus e poi è finita lì“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Spiegata l’assenza di Nico a Baku – Sempre il manager avrebbe rivelato che la mancata presenza del 33enne sul tracciato azero e poi ancora fra due settimane a Barcellona è da implicare ad altri impegni. Nello specifico il germanico cresciuto a Montecarlo si starebbe preparando ad un festival dedicato alle tecnologie verdi dal nome “Greentech”.

In ogni caso una parziale ammissione è arrivata. L’ex Mercedes si sarebbe scusato subito con la Formula One Management per aver ceduto il pass al suo amico fotografo in occasione della trasferta asiatica.

Ho voluto dare l’opportunità ad un amico di andare sullo schieramento e così gli ho lasciato il mio pass“, avrebbe tuttavia rivelato Rosberg all’agenzia DPA News.

La F1 ha poi precisato che non vi è stata alcuna cacciata: “Ha utilizzato in maniera errata il suo lasciapassare a Shanghai ma ha immediatamente fatto ammenda. Certamente potrà riaverlo nella prossima occasione in cui verrà, ossia Monaco“.

Chiara Rainis