Orrore in un ospedale: 26enne stuprata ed uccisa

0
4647
Trapianto record
Ospedale (Getty Images)

Una giovane 26enne, si era recata in ospedale perché da giorni soffriva di un forte mal di denti. Non vedendole fare ritorno, la madre della giovane si è recata presso il nosocomio dove ha scoperto che la figlia era morta ma non per questioni legate alla malasanità.

Inquietante quanto accaduto al Sindh Government Hospital di Korangi, nel distretto di Karachi, in Pakistan. Una ragazza di 26 anni aveva deciso di recarsi al pronto soccorso a causa di un forte mal di denti che non le dava tregua ormai da giorni, ma da quel luogo non ha più fatto ritorno. La madre della ragazza, preoccupata ed in apprensione per il mancato rientro della figlia dopo le molte ore trascorse, ha deciso quindi di recarsi in ospedale. Una volta giunta sul luogo ha appreso la tragica notizia: la figlia era morta e si trovava su una barella nel retro della struttura ospedaliera. La giovane 26enne, che si era recata al pronto soccorso per un banale problema era morta, ma le circostanze non hanno convinto la madre. Le spiegazioni dei medici, infatti, non sono risultate credibili e la donna ha chiamato subito la polizia. Scattate immediatamente le indagini, è emersa l’inquietante verità: grazie all’esame autoptico le forze dell’ordine hanno scoperto che la ragazza era stata prima stuprata e poi uccisa.

Muore in ospedale, ma non è un caso di malasanità

La madre della giovane, in pensiero per il mancato rientro in casa della figlia, ha deciso di recarsi presso Sindh Government Hospital. Ad attenderla solo un grande dolore: la figlia morta su una barella sul retro dell’ospedale. Per questo motivo la donna ha deciso di contattare la polizia, perché a suo avviso le spiegazioni del personale sanitario non sarebbero state convincenti. I medici le avevano infatti inizialmente spiegato che la ragazza era morta a seguito di una reazione allergica causata dalla somministrazione di antibiotico. Sul corpo della giovane è subito stata disposta l’autopsia la quale ha rivelato che la giovane 26enne sarebbe stata prima stuprata e poi uccisa. A seguito dei risultati dell’esame sono finiti in manette paramedici, infermieri e un dottore che ora verranno sottoposti ad un processo.