Lorenzo Baldassarri
Getty Images

Moto2, Lorenzo Baldassarri: “Il sogno adesso può diventare realtà”

Lorenzo Baldassarri è alla sua sesta stagione in Moto2 e mai come quest’anno è tra i candidati al trono iridato. Dopo tre gare è al comando della classifica a quota 50 punti, tallonato a breve distanza da Schrotter (47) e Luthi (45).

Con le vittorie a Doha e Las Termas Lorenzo Baldassarri ha inaugurato straordinariamente la stagione Moto2. Ad Austin, un circuito dove non ha quasi mai brillato, la sua gara era finita subito dopo essere caduto al primo giro, ma ha mantenuto la testa della classifica. Lory Baldassarri si dice pronto a tutto pur di conquistare il Mondiale e approdare in MotoGP: “Potrei lasciare la macchina fino alla fine dell’anno. Ritiratemi la patente, vado in bici”, ha scherzato in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’.

Nelle prime cinque stagioni in Moto2 ha firmato solo due vittorie, lo stesso numero di trionfi lo ha collezionato nelle tre gare  della stagione 2019. L’anno scorso ha chiuso al 5° posto, il frutto è abbastanza maturo per poter cadere nella Top Class: “Non ne sono ancora pienamente consapevole, ma la vittoria in Argentina è stata un indizio che ha chiarito che l’obiettivo è raggiungibile, che il sogno può diventare realtà”. Dopo cinque stagioni ha maturato un bel bagagliaio di esperienze: “Nel primo con Gresini avevo poca esperienza. Anche i tre anni con Forward sono stati duri, ma mi hanno aiutato a farmi crescere”

In pista, si trasforma in “Baldattack”, ma fuori dalla scena delle corse amici e tifosi lo apprezzano come una persona molto tranquilla. “Amo la pesca. Quando ero piccolo, suonavo anche il piano. Ma a un certo punto dovevo scegliere. Da quando ho iniziato a lavorare sulle moto, capisco che il mio obiettivo è la classe MotoGP. Ma è troppo presto per parlarne”.