La Dakar cambia casa: dal 2020 si correrà in un altro continente (VIDEO)

0
174
Il pilota della Ktm per la Dakar, Sam Sunderland, in Arabia Saudita (Foto Red Bull)
Il pilota della Ktm per la Dakar, Sam Sunderland, in Arabia Saudita (Foto Red Bull)

Dakar | La Dakar cambia casa: dal 2020 si correrà in un altro continente (VIDEO)

La Dakar si trasferisce in Medio Oriente, grazie all’accordo quinquennale siglato tra l’Arabia Saudita e gli organizzatori della leggendaria maratona del deserto. Dopo oltre trent’anni trascorsi in Africa (fin dalla sua fondazione datata 1979, quando il percorso partiva da Parigi per arrivare in Senegal) e le ultime undici edizioni disputate in Sudamerica, per via dei rischi per la sicurezza nel Continente Nero, per la prima volta la gara del deserto partirà dunque dall’Asia.

E non si può certo dire che in Arabia Saudita manchi la materia prima, visto che di deserto ne conta 1,4 milioni di metri quadrati, oltre alla catena montuosa dell’Asir, che dovrebbe offrire al parco dei partenti, sia automobilistici che motociclistici, le necessarie sfide. La mossa non ha mancato di colpire gli storici protagonisti della Dakar: “Quando ho sentito per la prima volta questa notizia sono rimasto un po’ sorpreso, non me l’aspettavo”, ammette il tredici volte vincitore Stephane Peterhansel. “Ma poi ho studiato la cartina e ho visto che l’Arabia Saudita è un’ottima nazione dove correre: una terra molto vasta, con tutti i tipi di fondo, che dovrebbe rendere il percorso molto interessante. Non mancheranno i tratti in aperto deserto, che mi fanno sperare che l’aspetto e le sensazioni saranno simili a quelle a cui eravamo abituati in Africa”.