Ritirati dal mercato farmaci contro la pressione alta

0
3241
Farmaci
Farmaci (foto dal web)

Dopo il blocco delle vendite di centinaia di farmaci per l’ipertensione avvenuti nei mesi scorsi, negli Stati Uniti è stato annunciato il ritiro dal mercato di alcuni lotti di pillole per combattere la pressione alta in cui sarebbero state rintracciate sostanze cancerogene. 

Arriva una nuova allerta su alcuni medicinali che hanno costretto l’azienda produttrice ad ordinare il ritiro dal mercato farmaceutico. Negli scorsi mesi l’allarme aveva riguardato alcuni farmaci a base di sartani, i quali erano stati considerati a rischio e ritirati dagli scaffali delle farmacie. Adesso negli Stati Uniti l’azienda produttrice Torrent Pharmaceuticals Limited ha annunciato il ritiro di 36 lotti di pillole di Losartan potassium e 68 lotti di Losartan Potassium/Hydrochlorothiazed. Anche in questo caso, come nei mesi scorsi, il provvedimento riguarderebbe la presenze di impurità nei prodotti per l’ipertensione, le quali potrebbero essere cancerogene.

Nuovi farmaci contro la pressione alta ritirati dal mercato

L’azienda farmaceutica Torrent Pharmaceuticals Limited ha annunciato il ritiro dal mercato di alcuni lotti di suoi prodotti negli Stati Uniti. La casa farmaceutica ha comunicato nello specifico di aver ritirato 36 lotti di pillole di Losartan potassium e 68 lotti di Losartan Potassium/Hydrochlorothiazed. In questi medicinali utilizzati per combattere l’ipertensione, condizione clinica in cui si verifica la presenza di pressione sanguigna alta, dopo alcuni accurati test sarebbero state ritrovate tracce di impurità possibilmente cancerogene. In particolare è stata riscontrata la presenza di Acido N-Metilnitrosobutyric in quantità superiori rispetto ai livelli di sicurezza stabiliti dalla Food and drug administration, l’Ente governativo statunitense che vigila sulla regolamentazione di cibi e medicinali. Già nei mesi scorsi sia in Europa che negli Usa era stata bloccata la vendita di farmaci per la pressione alta e, secondo quanto riportato dalla redazione de Il Messaggero, dall’estate scorsa varie aziende hanno ritirato dagli scaffali centinaia di medicinali a base di sartani. In questi farmaci, come in questo caso, erano state rintracciate sostanze che avrebbero potuto aumentare il rischio di tumori nei pazienti. La lista aggiornata dei prodotti ritirati dal mercato può essere consultata sul sito della dalla Food and drug administration.

Leggi anche —> Omicidio piccolo Gabriel: per gli inquirenti c’è un altro colpevole