(Getty Images)

F1 | Attentato nello Sri Lanka: anche un pilota coinvolto

La strage di Colombo avrebbe anche delle vittime illustri. L’attentato alla comunità cattolica in Sri Lanka, che ha visto morire oltre 300 persone nel giorno di Pasqua non avrebbe risparmiato neppure la famiglia di un personaggio legato alla F1.

A quanto pare tra gli scomparsi ci sarebbe anche tre bambini piccoli, ovvero tre dei quattro figli del miliardario danese Anders Holch Povlsen, presente secondo i media locali nell’albergo Shangri-La Hotel colpito dai terroristi islamici.

A diffondere la notizia via piattaforme sociali è stato Kevin Magnussen. Il pilota della Haas che viene direttamente sponsorizzato dalla compagnia di abbigliamento, a cui tra l’altro appartiene anche il celebre marchio Jack and Jones, del magnate nordico Bestseller, ha pubblicato un cinguettio sulla sua pagina personale.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Accanto ad un cuore infranto, il driver di Roskilde ha postato tre lettere A su un riquadro nero ad intendere le iniziali dei bimbi coinvolti.

Interpellato dalla stampa un portavoce dell’azienda ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Grosjean contro il Q4 al sabato pomeriggio

Passando ad argomenti più faceti, l’altro uomo Haas Romain Grosjean è intervenuto in questi giorni sulla questione dell’inserimento di una quarta fase nelle qualifiche. Per il ginevrino l’idea venuta a Liberty Media e FIA di inserire una nuova variante nel format che determina la griglia di partenza sarebbe peggiorativa.

Non vedo quali benefici potrebbe apportare“, ha affermato ad F1i.com. “Penso che il sistema attuale vada bene, con i dieci migliori a contendersi la pole position. Abbiamo già provato diverse alternative e nessuna ha funzionato davvero“.

Anzi, aggiungere una tranche potrebbe svantaggiare i team di centro gruppo, che si ridurrebbero ad uno soltanto in grado di battagliare per lo start al palo. Oggi invece c’è grande incertezza. Tra il settimo e il quindicesimo ci sono solamente due o tre decimi di differenza e tutto è aperto“, ha quindi considerato il 33enne.

Chiara Rainis