Horner a sorpresa: “Il nostro obiettivo non è vincere”

0
168
Christian Horner, Red Bull (Getty Images)

F1 | Horner a sorpresa: “Il nostro obiettivo non è vincere”

Alla vigilia della stagione era uscito trionfante Helmut Marko a dare numeri precisi. Secondo il talent scout Red Bull la RB15 avrebbe regalato al team almeno 5 vittorie nel 2019, ma dopo tre gare l’antifona sembra essere diversa.

Le tre doppiette conquistate dalla Mercedes, un po’ a sorpresa per la verità, per la facilità con cui le ha ottenute, hanno di fatto ridimensionato le aspettative della concorrenza, motivo per cui il boss della scuderia energetica Christian Horner si è sentito in dovere di smentire pubblicamente il suo referente, euforico sin dall’inizio del neonato sodalizio con il motorista Honda.

A Marko piace avere una vista ottimista del futuro“, ha affermato il manager inglese a Motorsport.com.  “Veramente noi non ci siamo mai posti obiettivi diversi dal diminuire il gap da coloro che ci precedono“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Pur senza sbilanciarsi troppo in merito a possibili preferenze nei confronti di Verstappen a scapito di un Pierre Gasly piuttosto deludente finora e praticamente inesistente, il 45enne, ha elogiato l’ormai esperto Max, che oltre aver raccolto l’unico podio di questo avvio di stagione per l’equipe austriaca, ha altresì dimostrato di essere cresciuto rispetto all’irriverente driver conosciuto fino a buona parte del 2018.

Penso che sia maturato molto“, ha considerato. “Sino a ora ha fatto tre gran premi di alto livello ed è stato sfortunato a non essere sul podio in Bahrain. In Cina ha avuto l’opportunità di lottare con Vettel, ma ha comunque scelto di chiudere quarto. Ha fatto una buona decisione, una scelta intelligente. In questa fase del campionato dobbiamo accumulare punti“.

Al momento non abbiamo ancora un grande distacco dai piloti che ci precedono nella generale e siamo davanti ad entrambi i ferraristi. La strada da percorrere è ancora lunga, quindi è importante non perdere troppo terreno dai migliori in questo periodo dell’anno“, ha concluso Horner con oculatezza.

Chiara Rainis