“Sbagliato puntare su Vettel”: un altro ex contro la Ferrari

0
444
Sebastian Vettel (©Getty Images)

F1 | “Sbagliato puntare su Vettel”: un altro ex contro la Ferrari

Dal post GP di Cina la Rossa è diventata il bersaglio preferito dei pensionati del Circus. Sì perché quell’ordine impartito dal muretto Ferrari a Charles Leclerc dopo appena 10 giri dall’inizio della corsa, non è andato giù a nessuno.

Tra i critici nei confronti della decisione di Mattia Binotto & friends di puntare tutto su Vettel sin dall’Australia, anche Gerhard Berger, storico driver del Cavallino negli anni ’90, il quale ha parlato addirittura di “scelta sbagliata” da parte della dirigenza di Maranello.

A mio avviso il gioco dovrebbe restare aperto“, ha confidato ad F1i.com riconoscendo il valore del monegasco. “Per quanto mi possa piacere Sebastian o lo possa valutare, è giusto dire che è arrivato un ragazzo in grado di vincere il mondiale. Voler solamente indirizzarsi al più esperto è errato“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Detto questo, bisogna sempre valutare la questione sotto diversi punti di vista e a seconda del momento della stagione”, ha proseguito l’austriaco. “L’anno scorso quando eravamo a Monza, l’allora boss Maurizio Arrivabene sostenne che bisognava lasciare i piloti liberi di battersi. In quella fase, però, il campionato si stava avviando alle fasi finali ed era chiaro che se qualcuno poteva avere una chance quello era Seb, non Raikkonen. In quel caso, personalmente avrei reagito diversamente“, ha proseguito rammentando quando il manager bresciano diede ad Iceman la possibilità di aggiudicarsi la pole position e poi di farsi la sua corsa alla domenica pomeriggio.

Insomma, è una questione di tempistica e se davvero si vuole negare a qualcuno l’opportunità di aggiudicarsi il titolo. Comunque sia farlo al primo o al secondo round, secondo me, non è la strada giusta“, ha concluso puntando il dito con il box Ferrari che in tre appuntamenti del 2019 ha già dato altrettanti comandi e tutti a scapito del 21enne, oggi nettamente più in forma rispetto al tedesco.

Chiara Rainis