Herve Poncharal
Getty Images

MotoGP, Herve Poncharal confessa: “Sono troppo deluso”

Il proprietario del team Red Bull KTM Tech3 Hervé Poncharal è profondamente deluso dai risultati del pilota malese Hafizh Syahrin dopo il GP del Texas. Ultimo ad Austin con un gap di 1’07” dal vincitore, penultimo a Rio Hondo con un distacco di 35,5″, ultimo in Qatar con un gap di 43″

Poncharal non può essere soddisfatto, soprattutto del risultati texano che ha visto scavare un abisso tra il pilota malese e il vincitore, un duro colpo per KTM e il team Tech3 difficile da mandare giù: “Hafizh è stata una grande delusione, perché conosciamo il suo potenziale. A volte è stato in grado di guidare due secondi più veloce rispetto al giro o alla sessione precedente, quindi le sue prestazioni variano molto e non capiamo come possa verificarsi una differenza così grande nel tempo sul giro… Odio essere l’ultimo, ma lo era e ovviamente non è una buona posizione. Alla fine, il suo arretrato era enorme. Abbiamo potuto vedere che ha guidato una gara solitaria e quindi ha perso la sua motivazione”.

Il passaggio da Yamaha a KTM è stato molto sofferto, resta molto lavoro da fare, da studiare una RC16 di cui ancora non ha conosciuto il potenziale. “Nel complesso è stato un fine settimana difficile, non eravamo allo stesso livello del weekend in Argentina. Sapevamo che non sarebbe stato facile, ma Miguel ha morso il suo solito modo, è rimasto calmo e ha lavorato davvero bene. Le sue qualifiche sono andate bene e anche se la sua partenza è stata pessima, è stato in grado di recuperare posizioni e guidare direttamente dietro a Johann Zarco. Hanno guidato allo stesso ritmo e per Miguel è stato sicuramente interessante vedere come guidava Johann. Penso che abbia imparato molto – ha concluso Herve Poncharal – e ha anche guadagnato due nuovi punti in campionato”.