Getty Images

MotoGP, Aprilia imita Ducati: ad Austin prova lo spoiler

La febbre da spoiler persiste in MotoGP. Ducati è stata la squadra che ha aperto la ‘moda’, montando in Qatar un’appendice ancorata al forcellone. Questo elemento è stato considerato illegale da molte squadre della Coppa del Mondo, ma dopo due settimane la Corte d’Appello della FIM l’ha dichiarato legale.

I tecnici di Borgo Panigale hanno dimostrato ancora una volta di essere un passo avanti rispetto agli altri nell’area aerodinamica, costringendo la concorrenza a copiare. Il primo team a seguire le sue orme è stato Repsol Honda, che ha approfittato del processo di omologazione per mettere alla berlina le ambiguità delle normative vigenti.

L’ultima squadra ad aderire a questa iniziativa è Aprilia. Noale aveva preannunciato che avrebbe montato una pinna più o meno simile a quella della Ducati ed è stata di parola. Massimo Rivola, CEO di Aprilia in MotoGP, aveva annunciato che stavano lavorando con l’intenzione di avere la propria appendice che è apparsa nei test di questa settimana sul Circuito delle Americhe, a cui hanno partecipato diverse squadre.

Un’appendice per raffreddare la gomma

Nell’immagine fornita dal giornalista Mat Oxley di Motorsportmagazine.com è possibile vedere questa famosa appendice piazzata sul forcellone dell’Aprilia RS-GP. In esso, è interessante notare che l’alternativa adottata da Aprilia è molto simile a quella adottata dalla Ducati, con tre pinne che facilitano il passaggio dell’aria e quindi generano maggiore carico aerodinamico. Anche se lo scopo primario è raffreddare la gomma posteriore.

Le sensazioni di questo elemento sono positive per i componenti della squadra italiana e non è escluso che possano montarlo a Jerez. L’aerodinamica è sempre più importante nel mondo del motociclismo e sta gradualmente diventando un’area in cui le squadre sono più concentrate nello sviluppo della moto. La strada è aperta da Ducati al momento, ma l’ingaggio di Rivola da parte di Aprilia – un uomo legato alla F1 da quasi 20 anni – può essere una svolta in un campionato che continua a scoprire nuove soluzioni di anno in anno.