Jonathan Rea (Getty Images)

SBK | Jonathan Rea: “Dominio Ducati? Un disastro per la SBK”

La Panigale V4 e Alvaro Bautista hanno creato un vero e proprio uragano in Superbike. Jonathan Rea dopo ben 4 titoli mondiali vinti consecutivamente si è ritrovato così d’improvviso a rincorrere lo spagnolo e la sua Ducati. Tante le polemiche fuori dalla pista per un dominio che gli avversari giustificano con presunte irregolarità da parte di Borgo Panigale.

Come riportato da “Marca”, Jonathan Rea ha così parlato del proprio avversario: “Sta facendo molto bene, sta vincendo le gare. Ero io in quella posizione prima, quindi capisco i sentimenti. Quando vince con 10 secondi di vantaggio posso usare scuse, ma mi ha battuto. Siamo curiosi perché vince facilmente e con molto vantaggio. Sapevo che Alvaro aveva un grande potenziale, ma con questa Ducati ha un’arma molto veloce. Noi dobbiamo accettarlo e lavorare con Kawasaki per sfruttare al massimo il nostro potenziale. Naturalmente vorrei vincere, ma per ora non c’è rivalità con Alvaro. In passato ho combattuto con Davies e Sykes perché avevamo moto vicine. Bisogna accettare la realtà e fare i complimenti a Ducati“.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Jonathan Rea CLICCA QUI

Il rider britannico pensa che la Panigale sia una MotoGP

Il britannico ha poi parlato dei suoi anni più complicati: “La sfida più difficile della mia carriera è stata quando ho guidato per la Honda. Gli anni dal 2011 al 2014 sono stati complicati. Ero un debuttante in SBK e ho vinto alcune gare. Non sono contento di perdere, però bisogna accettarlo. Fortunatamente per me ho vinto negli ultimi 4 anni, ma sfortunatamente per il mondo esterno era prevedibile o noioso. Queste persone saranno felici perché c’è un vincitore diverso, ma la verità è che è un disastro per il campionato. Spero che si riesca ancora ad attirare dei fan per la SBK. Sono qui da molti anni e voglio che la SBK faccia bene”.

Jonathan Rea ha poi parlato del possibile calo di fan per la SBK: “Se parli con altri piloti hanno la mia stessa opinione su quello che sta accadendo in Superbike. La gente dirà che parlo così perché sono fan della Kawasaki. In ogni caso aspetto circuiti migliori dove potrò essere più vicino ad Alvaro. La Ducati è una MotoGP, lo hanno detto anche loro in fase di presentazione ed è la loro strategia di marketing. Da un certo punto di vista mi rende orgoglioso il fatto che hanno detto che questa sarebbe stata la moto che mi avrebbe battuto”.

Antonio Russo