Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza (foto dal web)

Coloro i quali hanno presentato la domanda per ottenere il  Redditto di cittadinanza, in queste ore stanno iniziando a ricevere i messaggi di conferma. In molti sono, però, rimasti delusi per gli importi a loro destinati.

È stata una vera e propria doccia fredda quella che hanno ricevuto alcuni cittadini alla lettura del messaggio che gli confermava il conferimento del tanto atteso reddito di cittadinanza. A spiazzare è stata la somma che gli è stata destinata, in alcuni casi pari a 40€. Gli utenti del web si sono quindi riversati sulle pagine social dell’INPS, l’ente che si è occupato della lavorazione delle domande, per chiedere chiarimenti in merito.

Reddito di cittadinanza, social in subbuglio: gli utenti si ribellano

Sono numerosi i cittadini che da quando hanno ricevuto il messaggio che gli accordava il reddito di cittadinanza si sono riversati sul web per protestare. In molti hanno, infatti, ricevuto un’amara notizia: il loro assegno non sarà tanto cospicuo quanto sperato. Le cifre sono, difatti, molto inferiori alle aspettative, in alcuni casi così basse da superare di poco i 40€. La domanda più frequente posta dagli utenti, infatti, è “Come si può vivere così?” considerato che lo scopo del reddito di cittadinanza era proprio quello di aiutare chi più fosse in difficoltà economiche a causa della carenza di lavoro. Il malcontento si è propagato sul web ed i commenti sulle pagine social, soprattutto dell’INPS, sono i seguenti: “40 euro? Vergogna. Ragazza madre di due figli, disoccupata. Questo è l’aiuto che date“. O, ancora, “60 euro? È uno scherzo?“. C’è chi si mostra incredulo: “Com’è possibile! Siamo 3 adulti disoccupati, l’Isee è 2400 euro, pagando 410 di affitto, e di reddito di cittadinanza l’importo è 197 euro“.  In realtà, non dovrebbe poi stupire così tanto considerato che la cifra spettante per il reddito o pensione di cittadinanza viene elaborata dall’Inps al netto delle prestazioni già spettanti e in applicazione della normativa del reddito di cittadinanza votata in Parlamento e illustrata sul sito del Ministero del lavoro. I tanto attesi 780 euro sarebbero infatti l’importo massimo assegnabile. Ovviamente, il maggior biasimo è rivolto al Movimento 5 Stelle che del reddito di cittadinanza aveva fatto il suo cavallo di battaglia durante il periodo elettorale, in molti sul web dichiarano che da oggi inizieranno una vera e propria campagna contro il Movimento di Luigi Di Maio. Per vedere se questa rivolta avrà dei seri risvolti a livello politico bisognerà aspettare a fine maggio, quando vi saranno le europee.