Mika Hakkinen e Charles Leclerc (©Getty Images)

F1 | Hakkinen striglia la Ferrari: “Basta ordini di scuderia!”

L’ennesimo invito arrivato a Leclerc nel corso del recente GP di Cina di farsi da parte a favore di Vettel ha lasciato tutti sorpresi nonché amareggiati, in quanto platealmente e senza un apparente motivo la Ferrari ha scelto di rinunciare al risultato per puro rispetto di un contratto.

Anche per questo, pure un uomo al 100% dal cuore McLaren come Mika Hakkinen si è sentito di dover intervenire sull’argomento sollecitando la squadra di Maranello ad abbandonare l’atteggiamento pro-tedesco.

Sebastian e Charles hanno tutto il potenziale per rendere dura la vita della coppia Mercedes, motivo per cui la Rossa dovrebbe sostenerli entrambi e finirla con questi ordini di scuderia ad inizio campionato“, ha affermato nella sua colonna per Unibet.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dopo tre round è chiaro che la SF90 possegga il miglior motore del lotto e un ottimo pacchetto complessivo, ma le Frecce d’Argento continuano a dominare anche grazie agli errori degli avversari, Cavallino in testa“, ha proseguito l’iridato 1998- 1999 elogiando poi la figura del 21enne monegasco, finora solido e maturo abbastanza da non farsi mai prendere dalla foga o dal nervosismo.

E’ l’uomo del momento e non ho dubbi che a Baku, fra due settimane si presenterà con il coltello tra i denti. Dopo i problemi tecnici che l’hanno colpito in Bahrain privandolo della vittoria, a Shanghai è stato costretto a far passare avanti il suo compagno di box“, ha considerato tirando una frecciata alla Ferrari, incapace di adottare un approccio un po’ flessibile e lasciare libero colui che ad ora sembra il più forte del duo rosso. “Sul tracciato azero si è sempre comportato bene, dunque si batterà certamente per il successo. Nel 2018 con la Sauber aveva concluso 6° e nel 2017 in F2 aveva segnato la pole e si era aggiudicato la gara lunga. Mi aspetto di assistere ad un GP dell’Azerbaijan piuttosto eccitante“, ha concluso fiducioso il finlandese.

Chiara Rainis