Moto3 GP Austin, i due piloti dello Sky VR46 centrano la top 10

0
88
I due piloti dello Sky Racing Team VR46 in pista nel GP di Austin della Moto3 (Foto Sky VR46)
I due piloti dello Sky Racing Team VR46 in pista nel GP di Austin della Moto3 (Foto Sky VR46)

Moto3 | GP Austin, i due piloti dello Sky VR46 centrano la top 10

Nessuna incertezza al via e una bellissima gara in rimonta per i giovani piloti dello Sky Racing Team VR46 entrambi nella top 10 al traguardo del GP delle Americhe al COTA. Scattato dalle retrovie dopo aver mancato per un soffio l’accesso alla Q2 ieri, Celestino Vietti Ramus impone il suo ritmo fin dalle prime tornate riuscendo così a ricucire il divario dal gruppo di testa. Nono al traguardo, secondo tra i rookie oggi, ma ancora in testa alla classifica generale dedicata agli esordienti (20 punti). “Sono davvero contento della gara e della rimonta”, spiega Vietti Ramus. “Sono partito bene, avevo un gran feeling con la moto e, anche se partivo indietro, ho provato a non perdere il contatto con i primi. Ho tenuto duro e sono molto contento: un premio per me e per tutto il Team che sta facendo un grandissimo lavoro”.

Prestazione davvero solida anche per Dennis Foggia, 14esimo sulla griglia di partenza e decimo complessivo. Anche lui nelle posizioni di rilievo a 5 giri dalla bandiera a scacchi, quando ha iniziato a perdere feeling con la gomma posteriore. “I primi giri ho cercato di non perdere il gruppo dei più forti, mi sentivo bene e stavo controllando”, racconta Foggia. “Poi a 5/6 giri dalla bandiera a scacchi ho iniziato a fare davvero fatica con la gomma posteriore. La moto era difficile da gestire, dovevo tenerla con le braccia e ho perso il contatto con quelli davanti. Peccato perché avrei potuto fare bene nel finale. Adesso torniamo in Europa per recuperare terreno in campionato”.

Conclude il team manager Pablo Nieto: “Una bellissima gara di Celestino e una gran rimonta su un tracciato davvero difficilissimo e che affrontava per la prima volta. Un’iniezione di fiducia prima del rientro in Europa dove ci attendono piste in cui ha già gareggiato. Bene anche Dennis e peccato nel finale per la gomma perché aveva lo stesso ritmo dei più forti”.