Facebook
Facebook (Getty Images)

Dopo quello del 13 marzo scorso, Facebook, Instagram e WhatsApp stanno facendo registrare il secondo down in un mese. Da qualche ora è, difatti, impossibile accedere ai social di Mark Zuckerberg.

I social network appartenenti al gruppo Facebook Inc., di proprietà del celebre Mark Zuckerberg, vivono un altro brutto giorno. Facebook, Instagram e WhatsApp sono in down da qualche ora e gli utenti non riescono a collegarsi ai loro siti. Le segnalazioni di malfunzionamento sono arrivate da diversi paesi dell’Europa e del sud est asiatico e su Twitter si sono già scatenate le varie hashtag di riferimento (#facebookdown, #instagramdown e #whatsappdown). Ancora dopo oltre due ore dal down dei social, la situazione non è migliorata e non si conoscono le ragioni del malfunzionamento.

Facebook, Instagram e WhatsApp down: il secondo malfunzionamento in un mese

Impossibile accedere a Facebook, Instagram e WhatsApp dalle 12 di oggi quando i tre social del gruppo Facebook Inc. hanno smesso di funzionare. Anche l’applicazione di messaggistica istantanea collegata al social più utilizzato al mondo, Messenger, non è rimasta immune da questo grave disservizio. Secondo quanto riportato dal sito DownDetector, il quale monitora i disservizi di numerose piattaforme, le segnalazioni di malfunzionamento dei tre social arrivano da tutta Europa, maggiormente da Italia, Grecia, Ungheria, Gran Bretagna, Portogallo e Germania. I disservizi si sono registrati anche nel sud-est asiatico, in particolare in Malesia. A quasi tre ore dall’inizio del down, non sono state ancora rese note le cause del problema e non si conoscono le tempistiche di risoluzione. Intanto gli utenti si sono scatenati sul Twitter all’interno delle hashtag di riferimento #facebookdown, #instagramdown, #whatsappdown con post ricchi di ironia facendo schizzare nei trend topic le hashtag compresa quella che porta il nome del creatore di Facebook #Zuckerberg. Per il gruppo di Mark Zuckerberg è il secondo grave disservizio in poco tempo, dopo quello del 13 marzo che aveva visto malfunzionamenti sui propri social network per diverse ore, il più lungo di tutta la storia. In quell’occasione la causa del problema venne attribuita ad un malfunzionamento dei server.

Leggi anche —> Ucciso nella piazza centrale: carabiniere vittima di una cruenta esecuzione