Il poleman Marc Marquez si complimenta con il secondo classificato Valentino Rossi dopo le qualifiche della MotoGP ad Austin 2019 (Foto MotoGP)
Il poleman Marc Marquez si complimenta con il secondo classificato Valentino Rossi dopo le qualifiche della MotoGP ad Austin 2019 (Foto MotoGP)

MotoGP | Austin, Valentino Rossi è il vero anti-Marquez. Dovizioso sbaglia tutto

La pole position è di Marc Marquez, per la settima volta consecutiva su sette nel Gran Premio delle Americhe: e questa non è una notizia. Più impressione, semmai, la fa il nome del pilota che partirà al suo fianco in prima fila: Valentino Rossi. Una prestazione talmente straordinaria, quella del nove volte iridato, da aver lasciato stupefatto perfino lo stesso poleman: “Non lo avrei mai detto”, ha ammesso il Cabroncito. “Certi risultati li conquisti se hai talento e una moto competitiva: Valentino ha entrambi”.

E ha proprio ragione. La Yamaha, qui ad Austin, va forte: lo conferma anche il sesto posto di Maverick Vinales, che nelle prove libere di ieri era apparso l’unico in grado di combattere (quasi) ad armi pari con Marquez sul passo, e dunque in gara promette di essere della partita. Ma a fare la differenza, anche stavolta, è stata la classe eccezionale del fenomeno di Tavullia. Anche su un giro così lungo come quello del Circuit of the Americas (oltre due minuti), Vale ha commesso pochissime imperfezioni di guida, tanto da far segnare un 2:04.038 che è ad appena 22 millesimi dal tempo ideale che si otterrebbe sommando tutti i suoi migliori settori intermedi. Il campione del mondo in carica tenterà di scattare a razzo e di andare subito in fuga, proprio come ha fatto due settimane fa in Argentina. Ma se c’è uno in grado di impedirlo, questi è proprio Valentino Rossi. Del resto, ricordate cosa accadde sempre negli Stati Uniti, a Laguna Seca, nel 2008? Allora il dominatore assoluto si chiamava Casey Stoner, eppure a trionfare fu il pesarese. Numeri del genere sono sempre stati nelle sue corde, e lo sono pure ora che ha 40 anni suonati.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ducati, disastro strategico per Dovizioso

Per i colori italiani, in compenso, la grossa delusione arriva da Andrea Dovizioso, tagliato fuori nelle pre-qualifiche dal suo compagno di squadra Danilo Petrucci e addirittura tredicesimo in griglia di partenza. Il tentativo di usare un solo treno di gomme morbide per prendere il ritmo nell’arco di tutta la sua sessione eliminatoria è fallito miseramente, e ora per lui si prospetta una gara alla rincorsa, nonostante il passo emerso dalle prove libere sia incoraggiante. Difficile che vada oltre il quinto posto, ma dovrà comunque mettercela tutta per portare a casa più punti possibile, e dunque perdere meno terreno in classifica generale nei confronti di Marquez. Arriveranno altre piste più favorevoli alla sua Ducati.

Il migliore dei piloti della Desmosedici, in questo weekend americano, è stato invece fin da ieri Jack Miller, addirittura quarto in qualifica. La ragione è probabilmente da identificare nel suo peculiare stile di guida, che soffre di meno i movimenti della sua moto. Buon per lui, ma male per i suoi compagni di marca…

Fabrizio Corgnati

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore