valentino rossi alvaro bautista Superbike
Valentino Rossi e Alvaro Bautista (©Getty Images)

Superbike 2019: elogi di Rossi e Marquez a Bautista per l’inizio di campionato.

È sicuramente impressionante l’impatto che Alvaro Bautista ha avuto nel campionato mondiale Superbike. Con la Ducati Panigale V4 R del team Aruba Racing ha letteralmente dominato in Australia, Thailandia e Spagna.

Nessuno è riuscito a contrastarlo, neppure un quatto volte campione del mondo SBK come Jonathan Rea. Sicuramente la grande esperienza accumulata in MotoGP è risultata importante per il pilota spagnolo, che ha un approccio differente e anche uno stile di guida diverso dagli attuali colleghi. Difficile che tutta la stagione possa scorrere sulla falsa riga di quanto visto nei primi GP, già ad Assen stiamo vedendo maggiore equilibrio. Però l’esordio di Bautista nel campionato mondiale delle derivate di serie è stato qualcosa di devastante.

Superbike 2019, Rossi e Marquez esaltano Bautista

Il grandioso rendimento di Alvaro è stato oggetto di discussione nel corso della conferenza stampa MotoGP di ieri ad Austin. A parlare del pilota Ducati Superbike sono stati Marc Marquez e Valentino Rossi, spendendo parole molto positive nei suoi riguardi.

Il sette volte campione del mondo si è così espresso sul suo connazionale: «Mi piace la Superbike e seguo Bautista, perché è spagnolo e viene dalla MotoGP. Ho sentito dire che sta vincendo solo per la moto, ma non è vero. Un pilota non vince mai solo per quella. Quando tutto funziona e uno come lui, che è stato campione del mondo, trova l’atmosfera giusta ed è a suo agio è in grado di fare cose del genere. Lo ha dimostrato in Australia l’anno scorso e ha fatto bene pure in altre gare».

Dopo i commenti di Marquez, sono arrivati quelli di Rossi. Ecco cosa ha detto Valentino su Bautista e il suo grande inizio di campionato WorldSBK: «È abbastanza impressionante quello che sta facendo con la Ducati. Era sicuro che sarebbe stato forte, che avrebbe potuto lottare con Rea, ma invece ha mostrato una superiorità imbarazzante. La moto va molto forte, ma non è solo quella. Mi sembra che lui guidi bene. L’intero pacchetto funziona, ma lui di più e sta facendo la differenza».

Corrette le valutazioni dei due campioni MotoGP sul loro collega Superbike. Alvaro sta riuscendo a fare la differenza con una Ducati Panigale V4 R sicuramente altamente competitiva, però lui ci sta mettendo del suo. Sarebbe sbagliato togliere dei meriti al pilota castigliano.

 

Matteo Bellan