Allarme culla killer: “Ha già fatto 32 vittime”

0
310
Culla
(foto dal web)

Secondo l’American Academy of Pediatrics, la culla Fisher-Price Rock ‘n Play Sleeper non dispone di un sistema di sicurezza adeguato per i bambini ed avrebbe già provocato 32 decessi per soffocamento. L’associazione ha chiesto il ritiro del prodotto ed ha invitato i genitori a non acquistarlo.

L’American Academy of Pediatrics, un’associazione professionale di pediatri con sede a Itasca, nell’Illinois (Stati Uniti) ha lanciato un allarme relativo ad una culla sul mercato che rappresenterebbe un serio pericolo per i neonati. Secondo l’associazione, come riportato dal tabloid inglese Daily Mail, la Fisher-Price Rock ‘n Play Sleeper ha provocato sino ad ora la morte di 32 neonati per soffocamento. Nello specifico, tale prodotto non possiede un sistema di sicurezza adeguato ed una volta posizionati i bambini all’interno della culla, quest’ultimi girandosi non sono riusciti più a tornare in posizione e sono morti soffocati con il viso schiacciato contro il cuscino. Per queste ragioni l’accademia ha chiesto il ritiro del prodotto dal mercato ed ha invitato i genitori a non acquistarla.

Culla killer: l’American Academy of Pediatrics ha chiesto il ritiro del prodotto dal mercato

Una culla attualmente sul mercato sembra rappresentare un serio pericolo per i bambini che vengono posizionati al suo interno. A far emergere tale circostanza è l’American Academy of Pediatrics, un’associazione di pediatri statunitense con sede nell’Illinois, la quale afferma, secondo quanto riportato dal tabloid Daily Mail, che la Fisher-Price Rock ‘n Play Sleeper avrebbe provocato il decesso di 32 neonati, morti per soffocamento. In particolare questa culla non disporrebbe di un sistema adeguato di sicurezza per i bambini che vengono posizionati al suo interno, i quali girandosi, mentre stanno giocando o stanno dormendo, possono rimanere soffocati con la faccia schiacciata contro il cuscino. Dopo l’allarme lanciato dall’associazione, l’azienda produttrice ha comunicato di aver già avviato dei controlli per verificare tale circostanza e si è messa a disposizioni per apportare eventuali modifiche alla culla. Intanto l’accademia dei pediatri statunitense ha chiesto il ritiro dai negozi del prodotto ed ha invitato i genitori a non acquistare la culla.

Leggi anche —> Bambino picchiato ed ucciso dal padre: clamorosa svolta nelle indagini